Inside No. 9 3×04 – Empty OrchestraTEMPO DI LETTURA 3 min

in Recensioni by
Con questo quarto e anche terzultimo appuntamento stagionale, Inside No. 9 mette in scena una storia strutturalmente meno complessa rispetto ai normali canoni della serie, riuscendo comunque a conservare quello stile inconfondibile che l’ha resa unica nel suo genere. La reazione dello spettatore al termine della visione sarà questa volta molto più ricca di sfumature: se nei precedenti episodi il fine ultimo della narrazione era quello di destabilizzare chi guarda attraverso una serie sempre più intricata di plot twist organizzati secondo una struttura a mo’ di scatole cinesi, questa volta la scelta degli autori è ricaduta su un episodio più concreto che trae tutta la sua forza proprio da questa linearità narrativa. Una scelta simile non può che avere delle conseguenze sul pubblico, privato del piacere della scoperta attraverso una serie di rivelazioni ben poco sorprendenti che hanno dato vita a un racconto narrativamente molto solido, eppure altrettanto debole dal punto di vista del coinvolgimento spettatoriale.
Il continuo accompagnamento musicale rappresenta senza dubbio il punto forte della puntata: se da un parte, in modo banale, il cantato si limita a sostituire il normale dialogo, dall’altra, esso assume una connotazione molto più articolata, fungendo da amplificatore per il particolare senso di claustrofobia comune a tutti gli episodi della serie. La paura di essere scoperto mostrata da Greg, l’incertezza sul destino lavorativo dei presenti e infine la sordità di Janet diventano così pezzi di un mosaico più vasto, ideato per trasmettere allo spettatore una sensazione di ineluttabilità che scaturisce grazie a una serie di rivelazioni oggettivamente telefonate, messe lì allo scopo di suscitare nello spettatore un senso di compiutezza invece del consueto stupore.

L’assenza di colpo di scena diventa essa stessa il colpo di scena. Nessun omicidio o atto criminale di sorta, nessuna scioccante rivelazione, soltanto una storia che va come deve andare, o perlomeno come per una volta ci aspettiamo che vada, ma che lascia comunque lo spettatore in ansia fino all’ultimo secondo, in attesa di un plot twist clamoroso che invece non arriverà mai. Chi guarda si trova così a un bivio: apprezzare come uno show riesca a tenere sulle spine il suo pubblico a prescindere dalla storia raccontata e dall’effettiva presenza di elementi in grado di tenere sulle spine qualcuno, oppure rimanendo basito per la scontatezza di alcuni esiti come la promozione di Fran, la scoperta del tradimento di Greg o il bacio tra Janet e Duane. A prescindere da che parte decidiate di stare – noi personalmente siamo più orientati al secondo schieramento – una cosa è certa: il fattore sorpresa che la serie aveva alle sue origini può dirsi ufficialmente bruciato, dunque l’unico modo per continuare a stupire è proprio attraverso stratagemmi simili, giocando con i tratti caratteristici dello show allo scopo di rimescolare le carte in tavole nella speranza di azzeccare una nuova formula vincente.

THUMBS UP THUMBS DOWN
  • Karaoke a scandire gli eventi
  • Natura più intima dell’episodio
  • L’assenza di colpo di scena è il colpo di scena
  • Storia un po’ fiacca
  • Alcune rivelazioni troppo scontate
  • L’assenza di colpo di scena sarà anche il colpo di scena stesso ma un colpo di scena vero rimane comunque più interessante
Questa settimana ci limitiamo al cosiddetto “sei politico” di Recenserie e salviamo “Empty Orchestra” in virtù della sua diversità rispetto agli standard della serie. La natura musicale dell’episodio è certamente uno dei maggiori punti a favore ma l’assenza del colpo di scena finale, necessario o meno che sia, ci lascia un po’ con l’amaro in bocca.

The Riddle Of The Sphinx 3×03 1.37 milioni – ND rating
Empty Orchestra 3×04 ND milioni – ND rating

Tags:

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Latest from Recensioni

error: Nice try :) Abbiamo disabilitato il tasto destro e la copiatura per proteggere il frutto del nostro duro lavoro.
Go to Top
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: