Stranger Things 2×03 – Chapter Three: The PollywogTEMPO DI LETTURA 3 min

in Recensioni/Stranger Things by

Bisogna partire subito da un’affermazione che potrebbe risultare pesante per i fan più intransigenti: “Chapter Three: The Pollywog” è probabilmente la prima vera puntata di questa 2° stagione di Stranger Things che conferisce qualcosa di nuovo alla storia. Sia “Chapter One: MADMAX” che “Chapter Two: Trick Or Treat, Freak” sono servite da collante e da introduzione alla nuova situazione in cui Hawkins ed i suoi (piccoli) cittadini vivono dopo gli eventi della prima stagione, tuttavia, a parte l’introduzione di Max ed il riportare in gioco Eleven, poco altro era stato fatto. E non è da leggersi questa come un qualche tipo di critica, ma piuttosto come una semplice e veritiera constatazione. Si sentiva comunque la necessità di dare una spinta alla narrazione e la spinta è arrivata in maniera abbastanza pronosticabile dalla ribellione di Eleven e dall’introduzione di D’Artagnan, per gli amici Dart (Vader).

Eleven:Friends don’t lie.
Jim Hopper:What?
Eleven:You say ‘soon’ on day 21. You say ‘soon’ on day 205. You now say ‘soon’ on day 326?
Jim Hopper:What is this? You’re counting the days now like you’re some kind of prisoner?
Eleven:When is ‘soon’?
Jim Hopper: “‘Soon’ is when it’s not dangerous anymore.
Eleven:When?
Jim Hopper:I don’t know.
Eleven:On day 500?
Jim Hopper:I don’t know.
Eleven:On day 600?
Jim Hopper:I don’t know.
Eleven:Day 700? On day 800? I need to see him. […] Friends don’t lie!

Esattamente come i film da cui i fratelli Duffer prendono ampiamente spunto per la loro serie, così Stranger Things agisce riproponendo delle situazioni e delle reazioni dei personaggi che sono parzialmente o totalmente prevedibili. Volutamente o meno, non è dato saperlo, molti eventi profumano di ingenuità, quell’ingenuità che trasudava negli anni ’80 e ’90 e che permetteva agli sceneggiatori di ricalcare molte situazioni mantenendo più o meno sempre il susseguirsi degli eventi. Questa descrizione è valida ovviamente per il triangolo amoroso Steve-Nancy-Jonathan, ma anche per il tempismo totalmente sbagliato di Eleven nella scuola, la sua fuga/reazione dopo il ritardo di Jim, la dimenticanza di Jim stesso ed i vari segreti tra i 4 ragazzi.
Stranger Thing è volutamente naive e diplomaticamente omaggiante (passateci il termine), non è una novità, tuttavia non ci si può esimere dal criticarlo per un uso eccessivo di questa “ingenuità”, soprattutto alla luce del fortissimo passaparola mediatico che circonda la serie.
Va comunque fatto notare che “Chapter Three: The Pollywog” ha anche degli ottimi momenti che tengono viva la narrazione e lo spirito della serie. Si sta ovviamente facendo riferimento innanzitutto alla scena finale, posizionata strategicamente per creare hype e proseguire il binge watching, che presumibilmente darà il via alla stagione, ma anche ai flashback di Eleven e Jim, utilissimi per colmare il gap di conoscenza fino a qui percepito, e l’inserimento di D’Artagnan come strumento per far reinteragire i 4 ragazzi sulle tematiche dell’Upside Down. La struttura della puntata è infatti volta ad enfatizzare i cambiamenti che ci sono stati e al tempo stesso prepara agli eventi che segneranno verosimilmente il cambio di marcia della stagione. Considerando i 9 episodi di questa seconda annata, la funzione della puntata è quella di chiudere (degnamente) il prologo e dare una spinta ai successivi 3 capitoli che rappresentano la parte centrale della stagione, e bisogna dire che svolge più che egregiamente il proprio compito. A questo punto è lecito aspettarsi un altro tipo di episodi ed un ritmo ben più accelerato.

 

THUMBS UP THUMBS DOWN
  • Cliffhanger finale
  • Utilizzo intelligente dei flashback di Eleven
  • Al solito un’ottima regia e una più che buona CGI
  • Un po’ forzata la scoperta di Joyce
  • In certi momenti si percepisce fin troppa “ingenuità” nella scrittura

 

Non ci si può lamentare di quanto mostrato in questo terzo capitolo, la piena sufficienza viene raggiunta molto facilmente, c’è però da dire che il potenziale di Stranger Things deve ancora essere espresso al 100%. Diciamo che questo è un buon punto di partenza da cui cominciare a lavorare.

 

Chapter Two: Trick Or Treat, Freak 3×02 ND milioni – ND rating
Chapter Three: The Pollywog 3×03 ND milioni – ND rating

 

 

Sponsored by Stranger Things Italia

Appassionato di fumetti, film e telefilm, ha un’età compresa tra i 20 ed i 33 anni ed è noto ai più per essere il fondatore del “Progetto Recenserie”. E’ un burbero dal cuore d’oro che gira per l’etere con una maschera di Venom continuando a ripetere che i Bloody Beetroots lo hanno copiato ma nessuno gli crede. Nel sottobosco del web si dice che abbia una laurea in statistica, una in economia ed una smodata passione per la scrittura tanto che pensa di poter scrivere un libro per vendere i diritti ad Hollywood per un film. Sognatore.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Latest from Recensioni

error: Nice try :) Abbiamo disabilitato il tasto destro e la copiatura per proteggere il frutto del nostro duro lavoro.
Go to Top
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: