How To Get Away With Murder 4×10 – 4×11 – 4×12 – Everything We Did Was For Nothing – He’s A Bad Father – Ask Him About StellaTEMPO DI LETTURA 5 min

in How To Get Away With Murder/Recensioni by

Partiamo un attimo sfoderando qualche numero giusto per iniziare la recensione in maniera oggettiva. All’alba dell’ormai celeberrimo crossover con Scandal (altra serie partorita con il patrocinio di Shonda Rhimes ora alla sua stagione finale), How To Get Away With Murder segna un altro impietoso record negativo: 3.26 milioni di spettatori e 0.8 di rating.
Nonostante la collocazione alle 22:00 ed una media che si aggirava più verso i 4 che verso i 3 milioni di spettatori, la serie di Peter Nowalk tocca un nuovo series low, e poco importa che con i DVR si risalga fino a 6.5 milioni visto che in questa stagione, a parità di collocazione, i 4 milioni non sono mai stati toccati. Il crossover con Scandal è infatti un ottimo (e strategico) modo per attirare pubblico in vista degli ultimi 3 episodi che, si spera, faranno calare definitivamente il sipario sulla serie. Perché si sente la necessità di chiudere definitivamente il cerchio. Come si può constatare da queste tre puntate, l’inserimento della madre di Laurel da un lato e la svolta sull’omicidio della figlia del Dr. Roa dall’altro, risultano come dei funzionali (ma pur sempre ritriti) esempi usati per far proseguire la narrazione. Se da un lato sorprendono, dall’altro non si può non sentire puzza di bruciato andando a prevedere in anticipo certe modifiche della serie.

 

Judge:Our research shows keeping an infant with their mother is always the ideal outcome, and whenever the evidence allows, I will come to that conclusion.
But because I must now exclude any of the evaluations proffered by Dr. Roa, I have no expert to corroborate Ms. Castillo’s claim that she’s mentally fit to care for her child.
Therefore, I have decided to extend the initial custody and have the child remain in the care of his maternal grandfather.
The petition for custody is denied.

Al centro di questi tre episodi si possono individuare fondamentalmente tre possibili plot: la lotta intestina della famiglia Castillo per avere la custodia del figlio di Laurel e Wes; la relazione non relazione tra Annalise ed Isaac (con Nate sempre in agguato); la lotta per la riapertura di tutti i casi in cui non c’è stato un processo corretto. È un turbinio di eventi orchestrato con il solo scopo di dare un senso a molti (ma non tutti) personaggi, tirando fuori dal cilindro parenti vari ed eventuali con un passato non del tutto pulito (mamma di Laurel e padre di Nate) ed un futuro destinato a non risplendere sicuramente. Ed è un classico del drama americano quello di andare a ripescare famigliari dal passato burrascoso con il solo scopo di sconquassare il presente della propria progenie, una tecnica facile da attuare ma altrettanto effimera nel medio-lungo termine. C’era davvero bisogno di creare character come quello di Nate Lahey Sr. o di Sandrine Castillo? Si ma solo se si guarda alla loro “nascita” come l’ultima idea in fondo al block notes degli sceneggiatori per dare un senso ai rispettivi figli. Non per niente tutti gli altri Keating Five Four sono stati totalmente accantonati.

Laurel:Christopher.
Wes’ name was Christophe. So I want to call him Christopher.
It’s perfect.

Laurel è ovviamente il personaggio che più giova di questo turbinio di eventi plausibili ed insulsi, staccandosi di fatto dal resto dei Keating Five Four per via della gravidanza ma anche grazie a problematiche e situazioni che la rendono più matura del resto del gruppo. La gravidanza, la lotta per la custodia e, per via indiretta, anche la presenza di genitori estremamente manipolatori non fa che mettere in risalto un character che si è sempre fatto riconoscere rispetto agli altri ma che ora gode di vita propria e ha tutte le attenzioni su di sé.
Anche qui bisogna pensare come pensano gli sceneggiatori che, presi dal panico per una scarsità di idee che regna sovrana sin dal finale della 2° stagione, cercano di far leva su personaggi chiave che hanno più connessioni con il restante parco attoriale, in modo da dare un motivo d’essere a tutti quanti. In questo caso Laurel è quella che ha più influenza su Frank, è sempre il collegamento principale con la 3° stagione e la morte di Wes, è sempre la più importante se confrontata con Michaela, Connor o Asher, è sempre l’unica che ha avuto confronti e sbalzi umorali più pesanti con Annalise. Non c’è quindi da sorprendersi se tutto gira intorno a Laurel e non intorno ad altri, piuttosto bisognerebbe riflettere su questa insofferenza generale che si prova ogni qual volta si scrive una battuta solo per far recitare un personaggio. Chiaro segno di una serie che dovrebbe cominciare a riflettere sulla sua stessa esistenza.

Frank:I went through your phone records, bills, all of it, but I can’t figure it out. So I decided to just come here and ask you to your face.
How’d you know Christophe?

THUMBS UP THUMBS DOWN
  • Wes continua a risultare importante nella storia anche a distanza di una stagione
  • Il processo per la custodia abbastanza ben gestito
  • Plot twist di Roa
  • Alcuni buoni momenti di recitazione sparsi qua e là
  • Ormai classici buchi narrativi: chi vuole li vede, chi non vuole non li vede
  • Keating Five Four veramente poco produttivi
  • Plot twist di Roa
  • Il crossover spuntato fuori dal nulla

 

Furti di bambini, padri che spuntano fuori dall’isolamento come fossero funghi, improvvisi crossover nati con il solo scopo di rimpolpare gli ascolti, gente che si droga ed un folto gruppo di attori che una volta erano protagonisti ed ora cucinano biscotti con il solo scopo di andare all’ingrasso. Per quanto si possa spegnere il cervello e gustarsi con leggerezza il susseguirsi degli eventi, pare abbastanza chiaro che il percorso di How To Get Away With Murder debba arrivare ad una conclusione. Si regala il Save solo perché, appunto, è un prodotto ludico che intrattiene ma solo se si spegne il cervello per qualche minuto.

 

He’s Dead 4×09 3.68 milioni – 1.0 rating
Everything We Did Was For Nothing 4×10 3.54 milioni – 1.0 rating
He’s A Bad Father 4×11 3.68 milioni – 1.0 rating
Ask Him About Stella 4×12 3.26 milioni – 0.8 rating

 

Sponsored by How to get away with Murder Italia

Appassionato di fumetti, film e telefilm, ha un'età compresa tra i 20 ed i 33 anni ed è noto ai più per essere il fondatore del "Progetto Recenserie". E' un burbero dal cuore d'oro che gira per l'etere con una maschera di Venom continuando a ripetere che i Bloody Beetroots lo hanno copiato ma nessuno gli crede. Nel sottobosco del web si dice che abbia una laurea in statistica, una in economia ed una smodata passione per la scrittura tanto che pensa di poter scrivere un libro per vendere i diritti ad Hollywood per un film. Sognatore.

4 Comments

  1. Questo è il classico commento costruttivo che alimenta il dibattito. Congratulazioni, vuoi comprare una vocale nel tuo nickname?

  2. Io ho sempre odiato questa serie fin dall’inizio e odio Scandal con tutto il cuore ma non da subito.
    Forse farei prima a dire che non sopporto Shonda.
    Son contenta che gli ascolti vadano male e che anche Scandal sia in dirittura d’arrivo.
    Stapperò lo champagne.

  3. È una sensazione condivisa. Difficilmente HTGAWM proseguirà un’altra stagione, se lo farà sarà solo x merito dei DVR e perchè alla ABC costerà di più produrre un nuovo show che proseguire questo.
    Sfortunatamente Grey’s Anatomy non soffre di questi cali…

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Ultimissime

error: Nice try :) Abbiamo disabilitato il tasto destro e la copiatura per proteggere il frutto del nostro duro lavoro.
Go to Top
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: