The Walking Dead 8×13 – Do Not Send Us AstrayTEMPO DI LETTURA 4 min

in Recensioni/The Walking Dead by

Difficilmente ci si è trova così indecisi sul voto di una puntata di The Walking Dead. E lo si dice con un certo piacere perché, per una volta almeno, l’episodio ha tenuto incollati allo schermo mostrando diverse cose, alcune buone altre dannatamente deprecabili per non dire demenziali, ma comunque intrattenendo. C’è però un grossissimo “mah” che, come si poteva intuire dal “dannatamente deprecabili per non dire demenziali” di cui sopra, va ad offuscare l’intera puntata: “Do Not Send Us Astray” è un’altalena di emozioni contrastanti che passa dal Thank Them All al Burn Them All con estrema facilità. Difficile quindi parlare dell’episodio in maniera univoca, talmente difficile che ci costringe (anche con un discreto piacere stilistico nel provare cose nuove) ad analizzare la puntata in ordine cronologico.

THANK THEM ALL: 15 MINUTI DI ORGOGLIO SOPITO


“Do Not Send Us Astray” è appena cominciata e sembra di essere tornati ai vecchi e gloriosi tempi passati: un assedio ad Hilltop, spari che come al solito non colpiscono mai i protagonisti (e no, Tara non è una protagonista), un discreto putiferio e addirittura una strategia da parte di Maggie per rimpolpare le difese e abbattere l’armata di Negan Simon. Il tutto coadiuvato da un ritmo sostenuto e da un prologo con un Morgan in preda alle allucinazioni che esternano la sua pazzia. C’è un po’ tutto The Walking Dead in questa descrizione, nel bene o nel male, e piace parecchio, almeno in contrapposizione con quanto visto ultimamente. Poco importa che poi Simon ed i suoi siano riusciti a fuggire, non era mai stata veramente presa in considerazione la morte di un character di rilievo (o di Serie B) durante una 13° puntata qualunque. Sembra ci sia un ragionamento dietro, un piano più a lungo termine (cosa che in effetti c’è), insomma sembra un episodio con uno scheletro. Sembra.

SLAP THEM ALL: LA RESURREZIONE DELL’ABBIOCCO


Con la fine dello scontro, l’impeto iniziale dato alla puntata scema e, come dopo un coito di media durata, la sceneggiatura si rilassa, rallenta prepotentemente il ritmo e si concede il lusso di passare a delle chiacchiere atte a puro riempitivo. Si ritorna quindi ad il vecchio modo di fare, niente di nuovo sotto il sole, seppur comprensibile in un post battaglia. Però 13 minuti passati a contemplare la recensione di Hilltop scavando nuove tombe non è decisamente il segnale che ci si aspetta da una serie che deve dimostrare di nuovo il proprio valore.

KILL THEM ALL: SIAMO ALLA FRUTTA


Nei restanti 14 minuti Angela Kang (promossa recentemente a nuova showrunner di The Walking Dead) e Matthew Negrete decidono di optare per un qualcosa di diverso dal solito, seppur non nuovo: un attacco zombie dall’interno. Non è la prima volta che si vede qualcosa del genere e probabilmente non sarà l’ultima ma almeno è un qualcosa di diverso rispetto alla solita routine, e quindi comunque premiabile per il tentativo di differenziare la storia. Non si può però non sottolineare il modo inverecondo in cui questa epidemia zombie sia stata messa in moto e assecondata dai singoli eventi.
Bisogna innanzitutto menzionare la demenza con la quale un bambino, già reo di aver ucciso la nuova allucinazione preferita di Morgan (non ci ricordiamo il nome e va bene così), si impossessa di un AK-47 e della chiave del recinto dove sono tenuti gli ostaggi, si introduce la dentro, minaccia tutti e poi, dal nulla, appare uno zombie all’interno e scappano tutti. In questo elenco di eventi compaiono diverse incongruenze logiche, tipo l’assenza di una vera guardia o lo zombie che spunta come un fungo, chiaro sintomo di una sceneggiatura scritta con i piedi e che si nutre di fatti che devono accadere tanto per, non perché siano razionali. A tutto questo va poi aggiunta la presenza di un altro zombie nel piano di sopra della villa ed il fatto che gli zombie nell’infermeria trovino la porta aperta e si introducano allegramente nella casa. Tutto con il solo scopo di creare nuovamente hype, uccidere persone sconosciute (quanti sono ad Hilltop? quanti sono morti? non si sa nulla…). È comprensibile che l’epidemia scatti per via delle munizioni e delle armi dei Saviors infette, tuttavia non può essere resa in questo modo.

THUMBS UP THUMBS DOWN
  • Degli ottimi 15 minuti iniziali
  • Lentezza generale dopo la battaglia
  • Dialoghi insulsi
  • Eventi che accadono perchè devono accadere
  • Stupidità generale ed una scrittura della scenggiatura deprecapbile

 

Se siete arrivati fin qua vuol dire che avete letto il nostro flusso di coscienza attraverso questi 40 minuti. Bravi, siete sopravvissuti anche a questo, potete considerarvi una Tara qualsiasi.
Detto ciò e facendo due considerazioni in più, “Do Not Send Us Astray” è partito con un Thank, è proseguito con uno Slap e terminato con un Kill, quindi non ci resta che dargli di media un glorioso e meritato Burn Them All. Il tutto, tra l’altro, a sancire la nomina della nuova showrunner Angela Kang che qui ha già dimostrato tutta la sua bravura. E questo si chiama sarcasmo, comunque.

 

The Key 8×12 6.67 milioni – 2.8 rating
Do Not Send Us Astray 8×13 ND milioni – ND rating


Sponsored by The Walking Dead ITAThe Walking Dead ItaliaAndrew Lincoln Italy

Appassionato di fumetti, film e telefilm, ha un'età compresa tra i 20 ed i 33 anni ed è noto ai più per essere il fondatore del "Progetto Recenserie". E' un burbero dal cuore d'oro che gira per l'etere con una maschera di Venom continuando a ripetere che i Bloody Beetroots lo hanno copiato ma nessuno gli crede. Nel sottobosco del web si dice che abbia una laurea in statistica, una in economia ed una smodata passione per la scrittura tanto che pensa di poter scrivere un libro per vendere i diritti ad Hollywood per un film. Sognatore.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Ultimissime

error: Nice try :) Abbiamo disabilitato il tasto destro e la copiatura per proteggere il frutto del nostro duro lavoro.
Go to Top
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: