Ozark 2×02 – The Precious Blood Of JesusTEMPO DI LETTURA 4 min

in Ozark/Recensioni by

Chi scrive non vi nega che molto spesso durante la visione di questo episodio abbia pensato a Sneaky Pete. Non è un male, bisogna precisarlo, ma è sicuramente un qualcosa che dà da riflettere se si pensa al modo di scrivere e dirigere un episodio, davvero molto simile in termini di resa scenica della tensione, del continuo ticchettare della lancetta verso una qualsivoglia scadenza e della spasmodica certezza della quadra del cerchio entro fine puntata. E davvero, lo sottolineiamo di nuovo: non c’è davvero niente di male in tutto questo perché il divertimento è assicurato, si può solo obiettare una leggera perdita di imprevedibilità nella storia. Tutto qui. Eppure è un “tutto qui” che pesa nell’economia della puntata e probabilmente della stagione.

Marty:How’d it go?
Wendy:We’re gonna lose tomorrow.
Marty:What happened?
Wendy:Wilkes. He could’ve helped, but the price was too high.
Marty:What do you mean? What’d he want?
Wendy:Me. He wanted me.
Marty:And? Was that a no?

Come ogni secondo episodio che si rispetti, anche “The Precious Blood Of Jesus” si pone come mantra quello di sviluppare l’intero ecosistema della stagione. Si parte quindi con una bella mano mozzata ad opera di un’altro stakeholder degli Ozark (la Mafia di Kansas City per essere precisi), si prosegue con un paio di sviluppi narrativi secondari (quale la scontata reazione malvagia del padre di Ruth e il breve test sull’eroina degli Snell), per concludere con una sana svolta nel fresco rapporto di lavoro tra Wendy e Wilkes (nuovo interessantissimo character). Il tutto farcito da un ritorno dell’agente dell’FBI Roy Petty e Rachel. Ed il carattere introduttivo della puntata si denota anche dalla stabilità della trama che non riceve grossi scossoni, quanto piuttosto si focalizza su storyline verticali atte ad amplificare il tenore delle vicende portanti.
È quindi corretto affermare che la serie creata da Bill Dubuque e Mark Williams stia pensando sul lungo periodo con un occhio di riguardo al ripescaggio di vecchi personaggi, all’aumento delle problematiche “to deliver the Casino” e al conseguente e sempre più precario mantenimento degli equilibri. Il problema di oggi viene infatti risolto pressoché sempre con un patto che introduce nuovi stakeholder che, ovviamente, vanno a minacciare le dinamiche instaurate finora, quindi di fatto andando a creare un problema più grande domani. Sulla carta tutto è praticamente perfetto e aiutare a tenere alto l’hype ma è un gioco, nonchè una dinamica, già vista nel menzionato Sneaky Pete che, proprio a causa dell’instabile castello di carta su cui si sta sviluppando la vicenda, rischia di risolversi con qualche forzatura di troppo sul finale e anche nel breve periodo. L’aiutino di Wilkes, la facilità con cui Marty chiude l’affare con la Mafia, il fin troppo casuale marito della senatrice che finisce ricattato per essere andato a letto con un escort che si fa praticare sesso orale su uno strap-on, sono tutti piccoli esempi di quanto appena descritto. E siamo solo al secondo episodio.
D’altro canto bisogna comunque essere onesti ed elogiare quanto merita di essere elogiato, ovvero una regia veramente curata ad opera dello stesso Bateman (non a caso non protagonista in termine di minutaggio in questa puntata), una trama sempre più dettagliata, una maggiore suddivisione del peso specifico tra main character ed alcuni personaggi secondari che promettono molto bene. Tanti elementi che non molte serie possono vantarsi di avere già ad una 2×02 qualsiasi.

 

THUMBS UP THUMBS DOWN
  • Bateman firma la regia anche della 2° puntata e lo fa con un’attenzione spasmodica dei dettagli che è un piacere guardare ogni scena ed il modo in cui i character vengono fatti danzare nell’occhio della telecamera
  • Introduzione di Wilkes, personaggio che ad occhio e croce rivestirà un ruolo non indifferente
  • Maggiore importanza a Wendy
  • Trama che comincia ad intensificarsi
  • Alcuni prevedibili risvolti (padre di Ruth in primis)
  • 1 ora di puntata comincia a farsi sentire dopo un po’
  • Facilità con cui vengono chiusi tutti i vari deal

 

Abbiamo alte aspettative e pertanto anche il minimo errore butta giù più del dovuto. Non neghiamo che avrebbe potuto starci un sano Thank Them All ma Ozark ha dimostrato di saper fare meglio, quindi per stavolta lo “puniamo” per le piccole debacle sciorinate in questi 60 minuti. E comunque è un Save molto abbondante.

 

Reparations 2×01 ND milioni – ND rating
The Precious Blood Of Jesus 2×02 ND milioni – ND rating

Tags:

Appassionato di fumetti, film e telefilm, ha un'età compresa tra i 20 ed i 33 anni ed è noto ai più per essere il fondatore del "Progetto Recenserie". E' un burbero dal cuore d'oro che gira per l'etere con una maschera di Venom continuando a ripetere che i Bloody Beetroots lo hanno copiato ma nessuno gli crede. Nel sottobosco del web si dice che abbia una laurea in statistica, una in economia ed una smodata passione per la scrittura tanto che pensa di poter scrivere un libro per vendere i diritti ad Hollywood per un film. Sognatore.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Ultimissime

error: Nice try :) Abbiamo disabilitato il tasto destro e la copiatura per proteggere il frutto del nostro duro lavoro.
Go to Top
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: