How To Get Away With Murder 5×06 – We Can Find HimTEMPO DI LETTURA 4 min

in How To Get Away With Murder/Recensioni by
Per analizzare al meglio questa puntata di How To Get Away With Murder, occorre innanzitutto prendere in considerazione la scorsa e… capovolgerla. Se infatti “It Was The Worst Day Of My Life” si era fatto notare come un bell’episodio ma con un finale decisamente deludente, ciò che ha regalato “We Can Find Him” è stato l’effetto opposto, con un episodio perlopiù piatto che, tuttavia, si è concluso con un bel “WTF moment”.
A soli due episodi dal mid season finale, la serie di Peter Nowalk sembra essersi ufficialmente presa una pausa, rallentando pericolosamente lo sviluppo della trama orizzontale. Così, anche in quest’occasione, ci si ritrova con un flashforward ai minimi storici che non alimenta nessun tipo di supposizione né tanto meno regala informazioni utili sugli altri personaggi presenti al matrimonio.
Messi da parte i casi legali verticali e con i Keating 4 impegnati nella sottotrama più leggera (almeno per ora) del matrimonio tra Oliver e Connor, la puntata ha focalizzato gran parte della sua attenzione sull’altra storyline che tiene banco sin da inizio stagione, seppur, anche qui, concedendo quasi nessun passo soddisfacente in avanti. Bonnie e sua sorella dunque, trainano l’episodio, ma il tutto avviene in un modo lento e macchinoso, girando sempre intorno al tema figlio scomparso, con segreti e varie versioni da parte della sorella di Bonnie che invece di aumentare l’hype per ciò che si cela davvero dietro, non fanno altro che creare un’insofferente confusione. La visita di Bonnie a sua sorella dunque, si ritrova a non aver portato minimamente alcun frutto al momento, con un bambino il cui destino rimane ancora avvolto nel mistero (difficile credere davvero a Julie ormai) e con le scene del flashforward che vedono protagonista la Winterbottom che continuano ad apparire del tutto incomprensibili in quanto prive di qualsivoglia indizio o riscontro.
Messi da parte questi elementi, la vera protagonista di puntata si ritrova però ad essere, ancora una volta, Annalise. Eppure, per come si era messo l’episodio sembrava davvero si stesse andando incontro a 40 minuti di pausa per l’avvocato, alle prese semplicemente con una scelta lavorativa che, in un modo o nell’altro avrebbe senz’altro avuto conseguenze future ma che, al momento, poneva la Keating un po’ da parte, quasi a lasciare spazio alla questione Bonnie e alleggerire un po’ la scena con la presenza delle madri di Connor e Oliver. Si è capito solo nei minuti finali, invece, come il drama per Annalise fosse solo dietro l’angolo.

 

“I had every intention of turning her down. But then I couldn’t. Not when I could free the man whose case gave me back my career.”

 

Che della governatrice non ci si potesse fidare era naturalmente scontato, non solo ogni esperto di telefilm del genere è stato in grado di captarlo sin dall’inizio, ma anche la stessa Annalise, con la sua storia e la sua esperienza, non ha mai avuto alcun dubbio al riguardo. Tuttavia, il punto di svolta che ha reso questa trama un qualcosa in più è stato proprio questo passo falso della Keating. Dopo svariate stagioni, la caratterizzazione del personaggio di Annalise appare ormai ben evidente e, se da una parte svetta una donna dura e sicura di sé, dall’altra si trova anche una persona fragile che dona il giusto peso ai sentimenti e alle persone. Sbagliare in questo modo, accettando l’offerta della governatrice, è una mossa che la Keating poteva fare solo in questa circostanza, per salvare qualcuno a lei caro. Indubbiamente, le porte che si aprono dinanzi a quest’ultima evoluzione di trama saranno forti, la morte di Lahey senior, avvenuta in quel modo e dopo aver ottenuto la libertà, sarà un duro colpo per Nate e la stessa Annalise. E con le altre storyline perennemente bloccate in un limbo apparentemente senza via d’uscita, è su questo che al momento si sposta l’attenzione, per poter rivedere nuovamente la Keating accusare il colpo e poi far partire la vendetta.

 

THUMBS UP THUMBS DOWN
  • La scena finale con la morte di Lahey senior con sottofondo la lettura del suo messaggio
  • Il passo falso di Annalise guidato dalle buone intenzioni
  • Possibilità di trame che si aprono per Annalise con il fallout della sua decisione
  • Storyline di Bonnie e sua sorella ancora del tutto priva di veri passi in avanti 
  • Puntata scialba, condita dall’ennesimo flashforward inutile
  • Il mistero dietro Gabriel portato troppo per le lunghe

 

Un episodio che si trascina per 40 minuti in modo lento e inconsistente per poi lasciare senza parole grazie al colpo finale. Quando si dice “salvarsi in calcio d’angolo”.

 

It Was The Worst Day Of My Life 5×05 2.93 milioni – 0.7 rating
We Can Find Him 5×06 2.86 milioni – 0.8 rating

 

Sponsored by How to get away with Murder ItaliaLe Regole Del Delitto Perfetto

Sulla soglia della trentina, laureata in Comunicazione, tra le sue passioni spiccano telefilm e libri. Ha un carattere allegro e socievole, ma nei momenti opportuni sa trasformarsi; questa sua versione di dottor Jekyll e mister Hyde tuttavia, non le impedisce di avere un'estrema sensibilità che la porta quasi sempre a tifare per lo sfigato di turno tra i personaggi cui si appassiona: per dirla alla Tyrion Lannister, ha un debole per “cripples, bastards and broken things”. Tra le sue prospettive future compare il tentativo di risoluzione di un dubbio alquanto amletico: recuperare o no Lost? Si accettano consigli.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Ultimissime

error: Nice try :) Abbiamo disabilitato il tasto destro e la copiatura per proteggere il frutto del nostro duro lavoro.
Go to Top
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: