);

The Umbrella Accademy 1×04 – Man On The MoonTEMPO DI LETTURA 3 min

in Recensioni/The Umbrella Academy by

The Umbrella Accademy continua a dare soddisfazioni, a tratti ma in maniera imperterrita. Come spesso accade, dopo un episodio ricco d’azione, si affrontano le conseguenze, ci sono molte chiacchiere, un po’ di ripensamenti ma in generale si respira sempre un’aria di relax stantia utile(?) a digerire quanto appena visto ma soprattutto funzionale a consumare un episodio facilmente. “Extra Ordindary” è stata decisamente una puntata molto forte che ha portato sul piatto diversi elementi (il cambiamento nel corpo di Number 1, il rapimento di Number 4, la “morte” di Mom per mano di Diego, la solitudine di Vanya) ed un combattimento con Cha-Cha e Hazel alquanto interessante, era quindi lecito aspettarsi una sorta di pausa, anche se forse è meglio chiamarla hangover d’azione, ma invece questo quarto episodio ha saputo tenersi su e dimostrarsi diverso.

Number 1:Dad sent me on a mission. And it went, um badly. I almost died. He saved my life.

“Man On The Moon” non eccelle come i precedenti ma si rende guardabile e godibile grazie alla solita eccezionale colonna sonora, alcuni personaggi chiave che riescono a tenere su la scena anche da soli (parliamo in particolare di Klaus ma anche delle pochissime scene in cui Number 5 è presente) e ad una morte “eccellente” che francamente non ci si aspettava (Detective Patch).
Dopo quanto visto in “Extra Ordindary”, la scena d’apertura in cui viene spiegato il mutamento di Luther è apprezzabilissima oltre che necessaria a dare più background al suo personaggio. Chiaramente ogni flashback è più che apprezzato visto che serve a dare un’idea più precisa di come è cambiata l’Umbrella Accademy nel corso degli anni. Si sapeva per esempio, grazie ai quadri e ad i magazine, che i vari membri avevano abbandonato le vesti da supereroi nel corso del tempo ma non si era a conoscenza che Luther fosse stato l’ultimo membro. E ora c’è anche una spiegazione circa la sua indole e la ragione della sua poca autostima
Interessante è la scelta di spendere molto minutaggio anche sui due villain Cha-Cha e Hazel, vuoi per approfondire i due assassini, vuoi perché Klaus era un loro ostaggio. Le scene nel motel sono efficaci perché danno profondità a tutti i personaggi, Ben (Number 6) incluso, infatti da un lato si tridimensionalizzano dei character ancora molto confusi misteriosi e che avevano veramente bisogno di un po’ più di minutaggio per essere sviluppati, dall’altro si sfrutta l’occasione e questo particolare focus per dare un paio di svolte alla trama (la morte della Detective Patch e la fuga di Klaus che poi si volatilizza in autobus), utilissime per rilanciare la storia già a partire dall’episodio successivo. Come si diceva già prima: questo è esattamente quello che un “episodio hangover” non farebbe mai ma che invece “Man On The Moon” si permette di fare. Per fortuna.

 

THUMBS UP THUMBS DOWN
  • Colonna sonora sempre molto sul pezzo
  • Klaus e la recitazione di Robert Sheehan (ormai a suo agio con questo genere di personaggi) ed il salto temporale a fine episodio
  • Morte a sorpresa
  • La vecchia russa che continua a parlare in sottofondo
  • Cha-Cha e Hazel strafatti che danno fuoco al laboratorio
  • Rivelazione di come è cambiato il corpo di Number 1
  • Alcuni momenti abbastanza lenti
  • Diego continua ad essere un character piuttosto ostico da apprezzare
  • Quello che si è detto per Diego vale anche per Vanya
  • Forse fin troppo focus su Cha-Cha e Hazel

 

Un episodio abbastanza carino. Non rimarrà sicuramente nella memoria degli spettatori ma fa il suo dovere e si merita serenamente una sufficienza. Difficile fare molto di più di così francamente.

 

Extra Ordinary 1×03 ND milioni – ND rating
Man On The Moon 1×04 ND milioni – ND rating

 

Appassionato di fumetti, film e telefilm, ha un'età compresa tra i 20 ed i 33 anni ed è noto ai più per essere il fondatore del "Progetto Recenserie". E' un burbero dal cuore d'oro che gira per l'etere con una maschera di Venom continuando a ripetere che i Bloody Beetroots lo hanno copiato ma nessuno gli crede. Nel sottobosco del web si dice che abbia una laurea in statistica, una in economia ed una smodata passione per la scrittura tanto che pensa di poter scrivere un libro per vendere i diritti ad Hollywood per un film. Sognatore.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Ultimissime

error: Nice try :) Abbiamo disabilitato il tasto destro e la copiatura per proteggere il frutto del nostro duro lavoro.
Go to Top
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: