);

Game Of Thrones 8×02 – A Knight Of The Seven KingdomsTEMPO DI LETTURA 4 min

in Game Of Thrones/Recensioni by

In the name of the Warrior, I charge you to be brave. In the name of the Father, I charge you to be just. In the name of the Mother, I charge you to defend the innocent.

Partiamo dagli spunti positivi.
Jaime Lannister, dopo il potente scambio di sguardi con Bran alla fine dello scorso episodio, fronteggia ancor di più il suo passato andando davanti a Daenerys e a Sansa. Le due hanno le loro ottime ragioni per odiarlo, ma tutto si compone per intercessione di Brienne di Tarth. La guerriera ha fatto la sua scelta tra Jaime e Tormund, preferendo il primo e il rapporto tra i due, rimasto in sospeso da tempo, si dipana caldo e avvolgente, anche nel suo non detto, fino alla fine, quando lei viene ufficialmente nominata cavaliere. Tutto molto bello.
Amore è anche tra Arya e Gendry, i quali decidono di passare la notte a letto insieme: la scena non è troppo esplicita, perché Maisie Williams non è certo una delle pornostar ingaggiate nello show per i ruoli da prostituta, così da “poter interpretare certe scene senza fare troppe storie”, ma è in tono con il tema generale della puntata: è fan service fatto bene e ha un piacevole retrogusto amarognolo.
Ci sono due rivelazioni importanti: la prima viene da Bran e riguarda lo scopo del Night King, ovvero la distruzione dell’umanità. Pertanto, scopo primario del re dei non morti sarà la distruzione del Three – Eyed Raven, alloggiato nel corpo del giovane Stark. La seconda viene da Jon Snow, il quale parla a Daenerys dei suoi veri genitori (e fa una faccia come se non avesse mai meditato seriamente sul fatto di essere il legittimo erede al trono dei Sette Regni. Dev’essere proprio un puro).
Nonostante questi punti positivi, tuttavia, la puntata risulta piuttosto piatta. Non tanto perché la lunga, noiosissima scena della fasi iniziali tra Sansa e Daenerys, con la Khaleesi che va tutta umile e gentile a voler fare amicizia, avrebbe avuto ben altro mordente se fosse stata posizionata dopo la rivelazione della parentela fra la Madre dei Draghi e Jon. Il difetto sta a monte.
Siamo alla seconda puntata delle sei previste per quest’ultima stagione, anche se le prossime dovrebbero avere una durata significativamente maggiore delle prime. Dopo alcuni episodi in cui i personaggi sembravano avere il motore a curvatura ed il teletrasporto di Star Trek, eccone due tutti di pensieri e dialoghi, con un morto solo, fra l’altro (il giovane Lord Umber). Gli sceneggiatori stanno giocando un po’ troppo sul riallacciare i fili col passato (“Things we do for love!“) e sul dar modo ad ogni personaggio di sistemare i propri affari, di mettersi in pace la coscienza prima della battaglia. Un esempio per tutti: Reek Theon Greyjoy, in cerca di espiazione, accolto da Sansa a braccia aperte, con saltelli di gioia, in memoria di quando l’aiutò a scappare da Ramsey Bolton. Forse vogliono confondere il meglio possibile le idee al pubblico su chi sopravviverà e chi no.
Certo, è in arrivo uno scontro al quale non si sa se sopravviveranno non solo le singole persone, ma l’intera civiltà umana. Nella prossima puntata è in programma la famosa super battaglia da 55 giorni di riprese e, se non altro, il toto morti s’impennerà. Bisogna però equilibrare gli ingredienti, altrimenti si rischia la noia degli spettatori e, peggio ancora, di trovarsi a sottrarre tempo ad elementi più importanti, tutto a scapito del risultato finale.

 

THUMBS UP THUMBS DOWN
  • Ser Jaime
  • Brienne
  • Arya e Gendry
  • Un paio di rivelazioni importanti
  • La canzone Jenny of Oldstones, sia nella versione Podrick che in quella Florence + The Machine
  • Scena tra Sansa e Daenerys 
  • Troppo tempo perso, gli episodi sono solo sei
  • Tyrion appannato

 

“A che ora è la fine del mondo?” si chiedeva, anni fa, Luciano Ligabue in una sua canzone. Si chiedeva come avrebbero reagito le persone se, appunto, avessero saputo il momento in cui il mondo doveva finire. Il tema è pienamente svolto in questo episodio, con un paio di buoni spunti, ma tante lungaggini e giri inutili. Si sente la mancanza di dialoghi ben scritti e il personaggio di Tyrion è particolarmente fuori forma. Il pubblico arrivato fin qui, ormai, vuol di certo sapere come andrà a finire anche perché, parlando di lungaggini, ad aspettare i libri di George Martin si rischia seriamente di invecchiare. Si spera ricaverà ben altri stimoli e soddisfazioni (o più probabilmente traumi) dalla prossima puntata, dato anche il budget non “disinvolto”, ma “spudorato”, stanziato per la realizzazione di quest’ultima stagione dello show (di cui è indizio anche la presenza di Ghost in una scena dell’episodio in oggetto).

 

Winterfell 8×01 11.07 milioni – 5.0 rating
A Knight Of The Seven Kingdoms 8×02 10.29 milioni – 4.4 rating

Sponsored by Game Of Thrones ITALIA

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Ultimissime

error: Nice try :) Abbiamo disabilitato il tasto destro e la copiatura per proteggere il frutto del nostro duro lavoro.
Go to Top
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: