);

Orange Is The New Black 7×12 – The Big HouseTEMPO DI LETTURA 4 min

in Orange Is The New Black/Recensioni by

Taystee: “Sorry? You know I’m innocent and you know I’mma spend the rest of my life in here, and all you got for me is ‘I’m sorry’?”

A luglio 2013 veniva trasmessa su Netflix la prima stagione di Orange Is The New Black, serie che, nel corso dei suoi sei anni di vita, con i suoi alti e bassi, ha riscosso grandissimo successo. Prendendo spunto dalle memorie di Piper Kierman, ha saputo raccontare in modo estremamente efficace la vita delle detenute, dentro e fuori dalla prigione. Uno dei meriti principali dello show è sicuramente quello di essere riuscito, attraverso le storie dei vari personaggi, a trattare vari temi di natura sociale e/o politica, il tutto in modo realistico, tenendosi alla larga da buonismo e superficialità. Sebbene la serie sia considerata una “comedy-drama”, come già detto nella scorsa recensione, è nella rappresentazione del dramma che lo show dà il meglio di sé. Questa stagione ha avuto apici di drammaticità mai raggiunti prima e si potrebbe dire che ciò ha reso questa ultima stagione la migliore della serie.
“The Big House” (un perfetto antipasto per l’ultimo episodio), inizia e finisce in modo drammatico, confermando l’intenzione degli autori di chiudere il cerchio in modo dolceamaro. Più ci si avvicina al termine dello show e più questa sensazione diviene una certezza. Basti pensare alla situazione di Taystee, che è tra i principali filoni narrativi della stagione. Se si era accesa un po’ di speranza per il suo caso, questa viene brutalmente spenta già all’inizio della puntata. Spesso, nel mondo seriale, ci si ritrova ad assistere a risoluzioni quasi fiabesche di situazioni, almeno all’apparenza, disperate. Non è questo il caso di Tasha Jefferson. Gli autori hanno, coraggiosamente, scelto di percorrere la strada forse meno scontata e di sicuro più deprimente, ma quella più realistica. Taystee si ritrova a scontare un ergastolo che non merita e non può fare nulla per dimostrare la sua innocenza, poichè a livello legale non ci sono le prove per dimostrarla. Non c’è nessun “deus ex machina”, nessun colpo di scena inaspettato, soltanto la cruda realtà.
Se si volesse trovare un tema centrale di questo episodio, questo sarebbe la rassegnazione al proprio destino. La si percepisce in molte scene: Taystee si rassegna alla sua tragica condizione, cercando un minimo conforto nel suo ultimo pasto, salutando le persone a lei care; Nicky accetta e ammette a sé stessa di non poter fare nulla per aiutare Morello, dopo aver chiesto aiuto, forse per l’ultima volta, a Red, la sua “prison mum”; c’è Gloria che non riesce a non fare la cosa giusta e, rassegnata, confessa di essere lei la responsabile del cellulare; In ultimo, ma non certo per importanza, c’è Doggett, che, pensando di aver fallito l’esame del GED, crede di non valere nulla. Si è rassegnata alla idea di essere inutile. Poco importa se si è trattato di un suicidio vero e proprio o di un’overdose accidentale, la sua morte rappresenta il momento più tragico dell’episodio. Il personaggio di Pennsatucky ha avuto un’ottima evoluzione nel corso degli episodi, pur rimanendo abbastanza marginale. Un’evoluzione che sembrava essere diretta verso un riscatto del personaggio, ma che in realtà è terminata con la morte, rappresentata in modo ottimale. La sequenza antecedente il ritrovamento del cadavere è assolutamente degna di nota, con la telefonata con Poussey che rappresenta la ciliegina sulla torta per quanto riguarda la parte più emotività dell’episodio.
Pur trattandosi di una puntata di ottima fattura, “The Big House” non è esente da difetti, uno dei quali riguarda Alex, la cui storyline rimane essere la più debole della stagione. Nello scorso episodio la situazione tra lei e Piper sembrava essersi smossa, ma non si può essere del tutto certi che l’ennesimo problema di coppia sia la scelta vincente per loro. A sessanta minuti dal finale, era davvero necessaria la rottura?

THUMBS UP THUMBS DOWN
  • Lo scambio tra Nicky e Red.
  • Caputo e Figueroa 
  • La tragica morte di Doggett e la sequenza antecedente il suo ritrovamento da parte di Taystee
  • What kinda life would that’ve been if I never met you?”
  • Alex e Piper

 

OITNB è arrivato alla fine, con un ultimo ciclo di episodi che ha rasentato la perfezione. Non resta che sperare in un ottimo finale e, intanto, armarsi di pacchetto di fazzoletti…

 

God Bless America 7×11 ND milioni – ND rating
The Big House 7×12 ND milioni – ND rating

 

 

Distratta, eterna sognatrice e accumulatrice compulsiva di tazze di ogni forma e colore. Vive la sua vita tra mille paranoie, attacchi di ridarella immotivati e costante voglia di prendere il primo aereo per Londra. Nel tempo libero attende da più di quindici anni di ricevere la lettera per Hogwarts e guarda serie tv come se non ci fosse un domani. Normalmente è una persona pacata, ma provate a toglierle il caffè e si trasformerà in una belva feroce. Lorelai Gilmore docet.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Ultimissime

error: Nice try :) Abbiamo disabilitato il tasto destro e la copiatura per proteggere il frutto del nostro duro lavoro.
Go to Top
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: