);

DC’s Legends Of Tomorrow 5×03 – Slay AnythingTEMPO DI LETTURA 3 min

in DC's Legends Of Tomorrow/Recensioni by
Come al suo solito, DC’s Legends Of Tomorrow, anche a causa del suo vastissimo numero di personaggi, opta per suddividere la narrazione in diversi plot che, più o meno e con le aspettative che comunque rimangono non elevatissime, riescono davvero a far divertire. E questo è principalmente lo scopo della serie gestita da Phil Klemmer e Keto Shimizu: divertire.
La scelta di non prendersi mai sul serio è ormai diventata parte integrante del DNA delle Leggende e, come tale, non può e non deve infierire nella valutazione delle puntate. Tuttavia può accadere l’effetto opposto, ovvero quella particolare situazione in cui, per determinati motivi, la serie decide di prendere un sentiero più oscuro prendendosi in maniera più seria e severa. Ed è decisamente questo il caso di “Slay Anything”.
Il richiamo alle serie horror ambientate in un liceo non è assolutamente nuova al pubblico americano, anzi, però è nuova per DC’s Legends Of Tomorrow che qui, nonostante sia un episodio prettamente “verticale“, sforna una puntata di tutto rispetto. Il personaggio storico ripescato nel 1989 si chiama Freddy Myers e, a sorpresa ma non a sopresa, non è un serial killer veramente esistito ma piuttosto un mash up di due ben più celebri serial killer cinematografici: Freddy Krueger e Michael Myers, rispettivamente Genitore Serial Killer 1 e Genitore Serial Killer 2 dei franchise cinematografici Nightmare e Halloween, con tanto di storia materna scopiazzata da Norma Bates di Psycho. Insomma, un enorme omaggio/parodia al genere horror degli anni ’90.

 

Ava:Oh, my God. It’s Freddy Meyers, the Prom Night Slasher. Come on, guys. I ranked him #5 killer of all time on Stab Cast. My podcast about serial killers babe? Oh. As I was going to say, Freddy killed seven of his peers before at his high school prom in 1989. He used a kitchen knife and he wore a creepy mask. I actually did a whole series on it. So none of you open my emails, clearly? And following the murders, he spent 15 years on death row before he was executed in 2004. Which is when the timeline changed, starting with the death of the coroner and the disappearance of Freddy’s body. I don’t even want to think about what a serial killer would do with his second act. Tiffany! She was the final girl.

 

Come si era già detto in altre recensioni, l’obiettivo principale di queste puntate iniziali sembra (e deve, visto che il comparto di character comincia a scarseggiare) essere il ritorno di Zari, o almeno di una sua versione. Se molti, compreso il sottoscritto, si aspettavano un reintegro al posto della sua versione maschile, qui avviene invece il colpo di scena in cui si comincia a contemplare la possibilità di una coesistenza tra Zari ed il fratello. Ovviamente le reminiscenze sperimentate sulla Waverider tengono aperta anche la prima possibilità ma, in generale, quasi non dispiacerebbe pensare ai due fratelli insieme.
È interessante constatare come “Slay Anything” da un lato sfoghi tutta la sua nostalgica passione tenendo attento il proprio pubblico, mentre dall’altro continui a lavorare in sordina per ripristinare

 

THUMBS UP THUMBS DOWN
  • Ottimo omaggio a Nightmare e Halloween
  • Nora, la fata del Prom
  • Plot twist della mamma di Freddy
  • Buona regia, buoni effetti speciali e soprattutto buon ritmo
  • La reintroduzione di Zari
  • Charlie, dopo essere ritornata nelle vesti di un mutaforma, continua ad essere un personaggio totalmente inutile
  • Constantine in questo episodio non fa un granchè…

 

“Slay Anything” è un episodio classico di DC’s Legends Of Tomorrow che dovrebbe servire da benchmark per tutte le altre puntate. Visto che non si può basare la serie su un certo tipo di serietà, allora tanto vale dare il meglio di sè con omaggi al cinema e alla cultura pop.

 

Miss Her, Kiss Her, Love Her 5×02 0.77 milioni – 0.2 rating
Slay Anything 5×03 0.74 milioni – 0.2 rating

Appassionato di fumetti, film e telefilm, ha un'età compresa tra i 25 ed i 35 anni ed è noto ai più per essere il fondatore del "Progetto Recenserie". E' un burbero dal cuore d'oro che gira per l'etere con una maschera di Venom continuando a ripetere che i Bloody Beetroots lo hanno copiato ma nessuno gli crede. Nel sottobosco del web si dice che abbia una laurea in statistica, una in economia ed una smodata passione per la scrittura tanto che pensa di poter scrivere un libro per vendere i diritti ad Hollywood per un film. Sognatore.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Ultimissime

error: Nice try :) Abbiamo disabilitato il tasto destro e la copiatura per proteggere il frutto del nostro duro lavoro.
Go to Top
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: