Blindspot 1×15 – Older Cutthroat CanyonTEMPO DI LETTURA 4 min

in Recensioni by

Se io fossi un fiore senza nome
Che cresce in mezzo ai campi
Mi accontenterei di ondeggiare
Investita dal vento
Ma sono nata con il destino delle rose.

(Bara Wa Utsukushiku Chiru – Versailles No Bara OST)

La rosa è senza perché, fiorisce perché fiorisce, a sé non bada, che tu la guardi essa non chiede.

(Silesius)

Di ispirazione in ispirazione, di spunto ripreso in spunto ripreso, anche Blindspot ambienta un episodio nel mondo delle gallerie d’arte, come già aveva fatto The Blacklist qualche settimana fa (le coincidenza nella rete del Pavone si sprecano). Tra una reinterpretazione del quadro La Grande Odalisca di Ingres e un’altra di American Gothic di Grant Wood, spunta The Burning Rose, l’opera da cui prende il via la trama della puntata. La rosa è un simbolo quanto mai adeguato a descrivere Jane Taylor, perché, a parte le citazioni di cui sopra, la Rosa Bianca era un movimento di resistenza al nazismo capitanato dai giovani Hans e Sophie Scholl, condannati a morte durante la Seconda Guerra Mondiale. Il ricordo di Lady Oscar, inoltre, è solo uno dei momenti di gioia riservati da questo episodio a chi ama i cartoni animati d’epoca. Il gesto con cui Kurt Weller, appena subita un’operazione chirurgica, si veste e va a soccorrere i colleghi lo pone di diritto nella galleria dei personaggi eroici come il principe Actarus e Hiroshi Shiba.
Altri punti positivi sono l’interpretazione di Rob Brown e le ampie rivelazioni sul gruppo di Taylor e Oscar. L’agente Reade, infatti, occupa il maggiore spazio che gli viene accordato in modo migliore di quanto non abbia fatto Tasha Zapata nello scorso episodio, perché mostra umanità e sensibilità. Si è poi visto come anche nel gruppo di ribelli, se così li vogliamo chiamare, ci sia la mela marcia, proprio come fra i governativi nonostante il giro di Taylor e Oscar ci venga presentato come un affiatato gruppo di amici in campeggio. Niente di originalissimo, per carità, ma almeno si cerca di rendere un po’ più interessante la trama.
L’elemento deviante in questione è Cade, interpretato da un Tom Lipinski arrivato fresco fresco dalla collaborazione con Sorrentino nel film Youth. Non è stato prontamente eliminato e questo fa già ben sperare. Se sopravviverà anche alla prossima puntata o, come osiamo a malapena augurarci, all’arco narrativo in tre episodi, potrebbe darci le sue soddisfazioni. Fra l’altro, Oscar ora sa che è stato lui a sparare al Ruggedly Handsome Man, mentre un paio di puntate fa aveva dichiarato di non sapere chi fosse stato. Il ragazzo quindi ha fatto i compiti, bravo. Ultima nota gioiosa, vedere come il legame tra Jane e Kurt funzioni anche a distanza, lo dimostra la premura con cui, ad esempio, lei si informa di come stia lui fingendosi la sorella.
Veniamo ora a quello che non funziona: in poche parole tutti i cliché troppo triti e usati male. Si può cominciare dalla voce malamente distorta della persona che minaccia l’agente Reade, mostrandogli la foto di Sarah Weller e del figlio. Si può continuare con la ragazza presentatasi come segretaria del misterioso artista che vive recluso e non si fa vedere da nessuno che in realtà è la vera mente dietro tutta la macchinazione, nonché coautrice delle opere d’arte. Un po’ il vecchio luogo comune per cui il colpevole è sempre il maggiordomo. Molto meglio, a questo proposito, il macchinoso sistema di comunicazione via bigliettini. Quello, almeno, è aderente alla realtà come si è visto nei casi riguardanti boss mafiosi ai massimi livelli. Bisognerà poi trovare un nuovo metodo per registrare nella rubrica del telefonino eventuali numeri segreti, legati per esempio a grandi criminali. Oramai in molti hanno capito che, nel caso, sono da cercare sotto la dicitura “Pizza”. Abbiamo anche un nuovo momento MacGyver dopo quello visto nel quarto episodio. Stiamo parlando della porta fatta esplodere col gas. Tra i tanti momenti di eroismo che piacciono ed esaltano, questo invece lascia quasi indifferenti, se non annoiati.
                                                                              

THUMBS UP THUMBS DOWN
  • Rob Brown fa buon uso del tempo e delle opportunità a lui concesse
  • Agente Weller, livello di eroismo: Actarus
  • Kurt e Jane Taylor, tanto amore a distanza
  • Il cattivo non è morto, the plot thickens
  • La voce alterata della persona che minaccia l’agente Reade è orribile, a parte essere un cliché
  • L’artista in realtà era la ragazza: niente di più prevedibile
  • Se avete nella rubrica del cellulare il numero di un grandissimo criminale, l’ultima moda è segnarlo sotto “Pizza” #sapevatelo
  • Momento MacGyver
Il calo degli ascolti sembra segnare una battuta d’arresto. Si sta facendo un apprezzabile lavoro per rendere più omogenee e interessanti le trame orizzontali e verticali. Ora occorrerebbe fare un bel lavoro di pulizia nei dettagli, sempre il solito punto debole di questo telefilm, necessario quasi quanto uno sforzo per inserire qualche tocco di originalità.
Rules In Defiance 1×14 5.89 milioni – 1.5 rating
Older Cutthroat Canyon 1×15 5.99 milioni – 1.6 rating
Tags:

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Ultimissime

Origin 1×10 – I Am

Arrivati al capitolo finale della storia, Origin aveva il compito di concedere
error: Nice try :) Abbiamo disabilitato il tasto destro e la copiatura per proteggere il frutto del nostro duro lavoro.
Go to Top
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: