);

The Last Man On Earth 3×04 – Five Hoda KotbsTEMPO DI LETTURA 5 min

in Recensioni/The Last Man On Earth by
I titoli di The Last Man On Earth sono sempre stati abbastanza particolari, poiché riferiti ad un singolo avvenimento dell’episodio che, sebbene inizialmente sembri poco rivelante, analizzato a mente fredda si rivela discretamente importante se non, addirittura, filo conduttore dell’intera puntata. Alcuni esempi possono essere “C To The T“, il titolo della 2×04, che parlava del famoso “You do the time, you do the crime”, modo di dire molto popolare negli USA e leitmotiv della prima metà della seconda stagione; oppure “Falling Slowly”, vero tormentone degli episodi finali dello scorso anno. Altre volte, invece, rappresentano solo dei richiami a delle piccole chicche della puntata, un esempio su tutti “General Breast Theme With Cobra”, titolazione atta a richiamare la passione di Pat Brown per la jean art. Molto probabilmente, “Five Hoda Kotb” fa parte di questa seconda categoria.
In molti, leggendo questo titolo, saranno rimasti spiazzati e, in fin dei conti, anche la visione dell’episodio non si è dimostrata particolarmente rivelatrice. Ci si potrebbe aspettare una motivazione molto complessa, o un richiamo particolarmente sottile, e invece è soltanto il pezzetto della canzoncina  della Famiglia Partridge (popolare serie comica degli anni ’70) canticchiata da Tandy, il cui ritornello, a seguito della sua personalissima interpretazione, risulta il seguente: “9 Matt Lauers, 8 Katie Courics, 7 Al Rokers, 6 Savannah Guthries, 5 Hoda Kotb, 4 Willie Geist, 3 Cokie Roberts, 2 Willard Scotts, and a Partridge Family prison bus”. Chi sono queste persone? Dei semplici giornalisti (e giornaliste) televisivi, tutti nati tra gli anni ’40 e gli anni ’50 e tutti collegati con il famoso talk show mattutino di NBC, “The Today Show”. Qual è il senso di questo ritornello, e perché Lord e Miller hanno deciso di mettere Hoda Kotb (una delle co-conduttrici) nel titolo? Se lo sta chiedendo anche Lewis, che chiede ripetutamente a Tandy il nesso logico tra tutto ciò.
Dopo questa introduzione, volta a fare parziale chiarezza su un titolo molto enigmatico (trovare questa spiegazione ha richiesto un buon quarto d’ora), entriamo nel merito dell’episodio. Come dimostrato anche nella precedente stagione, spesso i road episodes sono tra i più riusciti in assoluto, in quanto ci si allontana dalla staticità della casa in cui si risiede (che sia a Tucson o a Malibu cambia davvero poco) e, soprattutto, si è costretti a stare davvero insieme. Infatti, nonostante l’apparente calma e cordialità, i rapporti tra i vari personaggi sono sempre al limite, in quanto ognuno prova antipatia verso almeno un’altra persona. Una delle pochissime cose su cui tutti concordano è l’antipatia nei confronti di Tandy (oramai gli unici a tollerare le sue uscite senza senso sono Todd e Carol). Del resto, in alcuni casi, questo risentimento è più che giustificato. Infatti, sin dalle primissime puntate, Tandy ha sempre cercato di rendersi simpatico agli occhi degli altri, sfociando spesso e volentieri nell’esagerazione e nel ridicolo. Questa caratteristica sembrava essersi sopita negli ultimi tempi, ma è tornata in grande auge durante questo episodio. La molla scatenante è stata il coming out di Lewis, che rivela a tutti la propria omosessualità. Da lì in poi si sono susseguite decine di allusioni e riferimenti al mondo omosessuale, avvantaggiato anche dal fatto che la loro meta sarebbe dovuta essere San Francisco, la città americana con la più forte comunità gay.
Perché è stato usato il condizionale poco fa? Ebbene, dopo un viaggio snervante per tutti i personaggi, durante il quale sono emerse tutte le loro debolezze (Gail e il suo continuo bere, Melissa sempre più in versione show apocalittico tradizionale, Lewis esasperato dalle battute di bassa lega di Tandy, ecc.), essi arrivano finalmente a Frisco, per scoprirla totalmente distrutta. Questo fatto introduce ad uno dei più divertenti momenti della puntata: mentre tutti pensano che sia a causa dell’epidemia, un flashback (usato davvero raramente in TLMOE, ma sempre in maniera perfetta) ci rivela che la causa è molto più grottesca: Tandy, durante il suo viaggio da solo antecedente all’inizio degli eventi narrati nella serie, ha usato dei fuochi d’artificio, causando inavvertitamente un incendio che ha piano piano consumato l’intera città.
Prima si accennava alla situazione abbastanza critica dei rapporti tra i character e al dover stare davvero insieme. Mentre nella casa poteva accadere che ci si incontrasse anche soltanto un paio di volte al giorno, nel viaggio bisogna stare in compagnia degli altri per moltissimo tempo, soprattutto quando si rompono quasi tutti i mezzi e rimane soltanto il furgoncino della prigione. Le tensioni si accumulano ed esplodono durante quella che dovrebbe essere quasi una formalità: la scelta della nuova destinazione in un mondo oramai disabitato. Molto significativo è soprattutto lo sfogo di Gail, che mette a nudo tutti gli atteggiamenti irritanti di Tandy, anche quelli fatti in assoluta buona fede (come il rassicurare sempre tutti, fino allo strenuo), e la tristezza del personaggio di Will Forte di fronte a queste parole potrebbe segnare una definitiva svolta per lui, con l’abbandono definitivo di quel ruolo da leader protettivo e simpatico che nessuno sembra riconoscergli.
In ogni caso, questi cambiamenti non saranno immediati, soprattutto alla luce del cliffhanger finale che, in verità, ha ricalcato moltissimo quello di un’altra serie discretamente famosa.
Era il 28 novembre 2010, e stava andando in onda il quinto episodio della prima stagione di TWD. Il gruppo composto da Rick, Carol con tanto di marito violento e figlia, Carl, Lori, Shane Walsh, Glenn, Andrea ed Amy, T-Dog, Dale ed Ed (l’elenco è stato pensato per far scaturire un sentimento di nostalgia verso i tempi d’oro dello show di AMC) stava faticando a trovare una nuova destinazione sicura e, in preda alla fame e alla sete, all’improvviso scorge un laboratorio con ancora tutte le luci accese. Somiglianze con quanto accaduto in questo “Five Hoda Kotbs”? Più di una. Volontario o no, quest’omaggio rappresenta un forte punto di svolta dal punto di vista narrativo e ci sono buone possibilità che vengano introdotti nuovi personaggi.

 

THUMBS UP THUMBS DOWN
  • La canzoncina di Tandy
  • Il flashback 
  • Il cliffhanger finale
  • Alcuni personaggi faticano ad entrare nel vivo (Erica…)

 

The Last Man On Earth inanella un altro episodio assolutamente convincente. Nonostante gli ascolti deludenti, noi non possiamo che continuare a ringraziare.

 

You’re All Going To Diet 3×03 2.66 milioni – 1.1 rating
Five Hoda Kotbs 3×04 2.14 milioni – 0.9 rating

 

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Ultimissime

error: Nice try :) Abbiamo disabilitato il tasto destro e la copiatura per proteggere il frutto del nostro duro lavoro.
Go to Top
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: