Suits 8×05 – Good MuddingTEMPO DI LETTURA 4 min

in Recensioni/Suits by

Tomatoes

I sacrifici necessari per far funzionare una nuova relazione e adattarsi ad una nuova situazione sono uno dei temi portanti dell’episodio. Louis e Sheila, infatti, si accorgono fin da prima del concepimento cosa comporti l’arrivo di un bambino, pur molto atteso e sospirato. Per Mr. Litt significa rinunciare, per un certo periodo, ai suoi amatissimi fanghi, fonte insostituibile di relax e concentrazione. Le vicende della coppia sono narrate con robuste dosi di ironia, vedere ad esempio la divertente sequenza iniziale e l’impagabile espressione di Rick Hoffman quando, alla fine, il suo personaggio riesce a immergere la punta di un ditino nel fango portatogli da Donna. Questo rende più piacevole l’esposizione di un’innegabile verità della vita: se la situazione è nuova, non ci si può portare tutto quanto apparteneva ad una situazione precedente.
Altro tema trattato nel corso della puntata è l’esempio che i genitori (ma non solo) danno ai figli, trattato nella presentazione delle avventure di Samantha con la figlia di Alex e nel caso di cui è protagonista il fratello di Harvey. Chi scrive coglie qui l’occasione per invitare i genitori e chi ne fa le veci, quando iscrivono i ragazzini all’oratorio, al centro estivo o simili, ad astenersi dal raccomandare agli animatori di “stare bene attenti a non insegnare niente” ai loro preziosi pargoletti, perché è impossibile. I bambini imparano anche quello che non viene loro “insegnato”, magari già solo vedendo come un adulto si veste, studiando le sue espressioni e i toni della sua voce, soprattutto se sono campioni mondiali della perfida arte di guardare dovunque, tranne dove viene loro indicato.
Ciò detto, per venire allo specifico della puntata, Alex ha ragione ad arrabbiarsi con Samantha, perché coinvolgere una quindicenne in un caso di spionaggio è effettivamente fuori luogo. Forse, però, il ruolo del genitore dovrebbe essere trovare un equilibrio tra presentare ai figli il mondo “com’è” e il mondo “come dovrebbe essere”. Si segnala poi un momento dei dialoghi in cui Miss Wheeler racconta di quando aveva 14 anni e fu espulsa da scuola: subito si ha la spiacevole sensazione di uno scivolamento lungo la china patetica di un’infanzia da orfanella. Per fortuna, la narrazione fa subito una sterzata e procede verso lidi migliori.
La parte dell’episodio dedicata al caso Marcus Specter è forse la meno forte e interessante: si fa ricordare forse solo per il momento agghiacciante in cui Harvey spiega alla cognata come potrebbe, in tribunale, ritorcere a suo danno ogni minima disattenzione nei confronti dei figli.
Giunti dunque alla metà delle puntate previste per la tranche estiva di questa stagione, si può affermare che centro d’interesse principale dello show è attualmente la formazione di una nuova famiglia, sia allo studio legale, sia in casa Litt – Sazs. Mossa del tutto logica e coerente, dopo la dipartita di Mike e Rachel, anche se, nel caso di Patrick J. Adams, non sono escluse comparsate future. Mossa coerente anche con i percorsi di maturazione e miglioramento personale dei personaggi, a cui è sempre stata dedicata grande cura. La visione rimane ritmata e godibile, ma si sente un po’ la mancanza di un bel caso grosso, con battaglie senza esclusione di colpi, destinate magari a durare più puntate. Si spera verrà presentato nella seconda parte della stagione.

 

THUMBS UP THUMBS DOWN
  • Sequenza iniziale
  • Il momento in cui Louis mette il ditino nella tazza di fango
  • Spunti di riflessione sulle verità della vita
  • Caso Marcus Specter un po’ debole
  • Si sente la mancanza di vere battaglie
  • Effettivamente, coinvolgere una quindicenne non è il massimo

 

Piano piano, il tentativo di far affezionare il pubblico ai nuovi personaggi e di integrare nuovi elementi in una ricetta già stabilita sembra riuscire. I toni delle vicende restano pimpanti e positivi, supportati dalle buone prestazioni di quasi tutti gli attori. Questo trend dovrebbe continuare anche nella prossima puntata, intitolata Cats, Ballet, Harvey Specter, dove Louis trascinerà Harvey dal suo fidato psicologo tedesco per una “terapia di coppia” con cui prendersi cura della loro amicizia. La convinzione che anche all’amicizia vada dedicata l’attenzione che merita l’amore non è nuova (vedere, per esempio, il rapporto fra Danny Crane e Alan Shore in Boston Legal). Si vedrà come verrà declinata in Suits.

 

Revenue Per Square Foot 8×04 1.09 milioni – 0.3 rating
Good Mudding 8×05 1.15 milioni – 0.3 rating

 

 

 

Tags:

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Ultimissime

error: Nice try :) Abbiamo disabilitato il tasto destro e la copiatura per proteggere il frutto del nostro duro lavoro.
Go to Top
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: