The Good Place 3×04 – The SnowplowTEMPO DI LETTURA 4 min

in Recensioni/The Good Place by

“No, no more waiting! This is all we have, Janet! We have Chidi and Eleanor and Tahani and Jason, and that is it.”

C’è qualcosa che non va, c’è decisamente qualcosa che non funziona. L’inizio della terza stagione di The Good Place è decisamente buono: la storia continua spedita verso la sua strada, i personaggi sono sempre freschi e divertenti e i momenti di libere e spensierate risate sono ovviamente sempre presenti. Eppure si ha quella strana sensazione che lo show di Michael Schur non stia dando il suo meglio, che stia procedendo con il freno a mano tirato. Questa sensazione parte da dentro lo stomaco dopo aver terminato la visione della puntata perché mentre Eleonor & Co. sono in scena non si può che essere soddisfatti da ciò che si sta vedendo, ma riflettendoci a mente fredda e ripensando ai fasti della prima e stupenda stagione qualche ingranaggio è ancora bloccato.
Sulla Terra il tutto sembra procedere nel migliore dei modi: Eleonor non ha ancora mollato il gruppo, Chidi non è impazzito a causa dei suoi dubbi amletici, Tahani si è innamorata dello sfigato degli Hemsworth e Jason è ancora vivo; nel frattempo Michael e Jenet monitorano la situazione nel meglio delle loro possibilità, sfruttando la conoscenza retroattiva dell’ex enciclopedia immortale. Passano i mesi e il gruppo si affiata sempre di più, migliorandosi l’un altro e facendo presagire la riuscita del piano del character di Ted Danson, però, nel più classico dei modi, arriva il colpo di scena che sconvolge il gruppo. Un plot twist che non è niente di esaltante, ed anche abbastanza prevedibile, ma che tuttavia è funzionale alla storia della stagione, difatti stava andando tutto troppo bene per una serie che ha insegnato i suoi fan a stare accorti e addirittura non fidarsi di ciò che che si vede sullo schermo. L’intento di separarsi e di scogliere il gruppo mette sulle corde Eleonor ed in primis Michael. La ragazza ovviamente compie uno dei suoi classici capricci imbarazzanti, mettendo in risalto il suo lato più debole, cioè l’incapacità di trattare in modo adeguato i propri sentimenti. Tuttavia, e per fortuna, Simone l’aiuta a rinsavire e la bella bionda si scusa, togliendosi la maschera da dura e  stronzetta, facendo capire quanto siano importanti per lei i suoi compagni di mille e dimenticate avventure.
Il demone invece, non potendo palare col cuore in mano ai suoi amici, lascia travasare nel finale di episodio tutto la disperazione per il matrimonio di Tahani. Evento che mette in risalto come non mai la stupenda evoluzione del personaggio incominciata nella scorsa stagione. Per il proprio gruppo Michael ha perso e rinunciato a qualsiasi cosa, è diventato un fuggitivo e rischia di essere catturato e spedito in pensione. Il fallimento del suo piano per lui sarebbe la fine e vanificherebbe tutto ciò per cui ha lottato fino ad ora. Tra l’altro ennesima grande interpretazione di Ted Danson che alla sua veneranda età continua ad avere un ottima mimica facciale e ad essere convincente come pochi sia nel ruolo del cattivo, vedasi scorsa stagione, sia nel ruolo del buono in questo terzo ritorno della serie.
Giunti alla fine dell’analisi dell’episodio e avendolo lodato fino ad ora, cosa c’è che non funziona veramente e in generale cosa non funziona quest’anno nello show? Probabilmente uno dei problemi che fa storcere il naso agli spettatori è il riutilizzo dello schema che ha fatto grande, nel panorama seriale moderno, The Good Place. Il fatto che i ragazzi siano per la “terza” volta riuniti per cercare di migliorarsi e che Michael sia nuovamente disposto al reboot sa ovviamente di già visto e si vorrebbe vedere qualcosa di diverso. Sarebbe davvero carino se la serie riuscisse a rinnovarsi nuovamente, dimostrando così di essere la nuova tipologia di comedy per eccellenza. C’è tutto il tempo necessario per correggere il tiro e ravvivare la stagione, un esempio infatti è il vero cliffhanger finale, quando il quartetto scopre Janet e Michael con la porta dimensionale aperta. Un ottimo finale che riesce nell’intento di creare hype nel prossimo capitolo, sperando che la stagione entri nel vivo.

THUMBS UP THUMBS DOWN
  • Eleonor si scusa
  • The Rock vs Steve Austin
  • Larry Hemsworth
  • Cliffhanger finale
  • Si può fare di più
  • Puntata di transizione

 

“The point is, I’m not really an “I’m sorry” type girl. I’m more of a “it’s your fault your car got keyed “in the movie theatre parking lot because you wouldn’t shut up while watching ‘John Wick'” type girl. But I’m sorry that I freaked out. I’m just really going to miss you guys.”

 

The Brainy Brunch 3×03 2.96 milioni – 0.9 rating
The Snowplow 3×04 2.71 milioni – 0.8 rating

A.A.A. Re bello ed impossibile cerca regina con cui frustare i suoi numerosi schiavi. Nell'attesa del lieto evento Eros Gallagher sta guidando la sua nazione, dove tutto è lecito tranne che guardare The Walking Dead. Nelle scuole vengono insegnate le grandi gesta di Eleanor Shellstrop, Titus Andromedon e Saul Goodman. L'unica religione ammessa è il Scrubsianesimo, atta a venerare il santo John Dorian. Lasciate i vostri nickname di Instagram al 4 8 15 16 23 42. Saluti e tante care cose.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Ultimissime

error: Nice try :) Abbiamo disabilitato il tasto destro e la copiatura per proteggere il frutto del nostro duro lavoro.
Go to Top
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: