fbpx

Baby 1×03 – #FriendzoneTEMPO DI LETTURA 3 min

in Baby/Recensioni by
“Anche io non mi sentivo all’altezza. Era come se avessi una vocina dentro che mi diceva costantemente: tu non vai bene. Tu non vai bene. Tu non vai bene. Poi ho capito che non la dovevo ascoltare perché non era la mia. Che dovevo ascoltare solo me stesso. E così devi fare tu.
Quindi non devi piangere, mai.
Ti devi sentire più grande, anche di quelli più grandi di te.”

 

Il terzo episodio di Baby segna l’inizio della rottura del famoso acquario che teneva in trappola i ragazzi delle serie, citato nell’intro del primo episodio da Chiara: le due ragazze cominciano ad intravedere quel “mare” che sembrano cercare da sempre, soltanto che non si sta rivelando esattamente come quello che pensavano che fosse. Il monologo sopra riportato, fatto da Saverio ad una Chiara disperata, nasconda la chiave di quello che questa serie potrebbe essere. La necessità di sentirsi ascoltati muove un po’ tutti i personaggi, oppressi in situazioni che non sembrano mai risolversi ma destinate a ripetersi all’infinito e questo perché, soprattutto tra gli adulti, non emerge un personaggio che dimostri un po’ di coraggio per uscirne.
Un problema, la mancanza di coraggio, che purtroppo attanaglia anche gli sceneggiatori. Infatti tutti i personaggi maggiorenni finora visti non vanno mai oltre una caratterizzazione troppo bidimensionale e spesso totalmente incoerente. Questo inficia notevolmente nel creare quel giusto disagio che aiuterebbe a dare una motivazione profonda alla rivolta giovanile delle due ragazze. I genitori, ma anche gli stessi “PR”, non sono semplicemente credibili ma agiscono soltanto mostrando debolezze prive di empatia nello spettatore. Peccato, perché la tematica del “sentirsi grandi” potrebbe permettere di esplorare meglio una delle motivazioni che muovono queste ragazze. Oggi non basta mostrare genitori stupidi per essere originali, soprattutto laddove c’è la possibilità di mostrare il lato oscuro della “maturità”.
Tornando alle due protagoniste, è possibile cogliere due aspetti di questa neo-acquisita consapevolezza del mondo esterno. Chiara, grazie all’aiuto di Saverio, capisce, in maniera distorta, cosa significhi il mantra dell'”ascoltare se stessi”. Un consiglio potenzialmente positivo ma qui viene declinato nella direzione del “lasciarsi andare”. Tutto questo poteva essere reso meno didascalico e forse anche più ambiguo del semplice ballare o baciare qualcuno.
Per Ludovica le cose sono decisamente più concrete. Il mondo esterno compra tutto, compreso l’amore e la dignità. Tutto ha un prezzo. Peccato che questo segmento viene lasciato in mano ad un personaggio come Fiore tutt’altro che centrato ad un forte livello di overacting. Non è chiaro il suo comportamento discontinuo verso Ludovica, in contrasto con la loro relazione amorosa che tutto sembra anziché una storia torbida.
Cosa rimane da salvare in tutto quello visto finora? I rapporti di amicizia tra i più giovani ai quali è perdonato essere anche incoerenti nei vari comportamenti, tanto da mettere in secondo piano le incongruenze narrative.
Chiara e Ludovica, in particolare, mostrano un rapporto di amicizia abbastanza realistico, complice un’evidente intesa tra le due attrici. A proposito del comparto attori, nettamente migliori i più giovani che non risultano stucchevoli quanto i ben più navigati “adulti”. Vittime probabilmente di personaggi troppo banali, mal si digerisce un livello medio recitativo molto sotto le possibilità degli stessi visti in altre occasioni.

 

THUMBS UP THUMBS DOWN
  • Alcuni passaggi narrativi che lasciano intendere molto…
  • Gli attori giovani. Bravi nella loro quasi inesperienza.
  • …che purtroppo non fanno seguito nei segmenti successivi
  • Gli attori più grandi, veramente troppo esagerati

 

Baby prosegue sul filo del “vorrei ma non posso”. Il materiale sarebbe molto buono ma spesso si sceglie di non osare, riducendo l’impatto di alcune situazioni potenzialmente molto interessanti.

 

Baby 1×02 – Burattino ND milioni – ND rating
Baby 1×03 – #Friendzone ND milioni – ND rating

 

Tags:

Dopo miliardi di ore passate a vedere cartoni giapponesi e altra robaccia pop anni ’80 americana, la folgorazione arriva con la visione di Twin Peaks. Da allora nulla è stato più lo stesso. La serialità è entrata nella sua vita e, complici anche i supereroi con le loro trame infinite, ora vive assecondando le sue droghe. Per compensare prova a fare l’ingegnere ma è evidentemente un illusione, infatti sogna di produrne qualcuna, magari su qualche tv via cavo. Segue qualsiasi cosa scriva Sorkin o Kelley. Intanto non si nega qualche guilty pleasure per non essere troppo snob

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Ultimissime

Baby 1×04 – Emma

Dare un giudizio obiettivo sulla nuova serie di casa Netflix è molto

Baby 1×02 – Burattini

Diciamocelo chiaramente: la maggior parte degli spettatori che si sono approcciati alla
error: Nice try :) Abbiamo disabilitato il tasto destro e la copiatura per proteggere il frutto del nostro duro lavoro.
Go to Top
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: