);

Evil 1×04 – Rose 390TEMPO DI LETTURA 4 min

in Evil/Recensioni by
“The first chapter, Marcus, is essential. If the readers don’t like it, they won’t read the rest of your book.”
(Harry Quebert – The Truth About The Harry Quebert Affair) 

Per una serie tv, il suo inizio è estremamente importante. La citazione riportata qui sopra (tratta dall’ottimo romanzo giallo di Joel Dicker) si addice perfettamente anche al mondo degli show televisivi, in quanto i primi episodi di una serie costituiscono il suo biglietto da visita, il quale a sua volta determinerà quanti spettatori continueranno a seguirlo. I pilot solitamente fanno gran parte del lavoro, ma anche gli episodi immediatamente seguenti hanno la loro rilevanza in questo senso, soprattutto per alcuni tipi di show.
“Evil” è quel tipo di serie che ha tutte le carte in regola per diventare un ottimo prodotto grazie al tema che affronta: il punto di incontro tra fede e scienza. Finora il filo che le unisce e allo stesso tempo divide è rimasto molto sottile, lasciando quasi allo spettatore la possibilità di interpretare i fatti, in un senso o nell’altro. La narrazione è sempre rimasta piuttosto neutra, se vogliamo, dando una perfetta spiegazione scientifica ad ogni avvenimento, dalla presunta possessione demoniaca di un produttore televisivo alla resurrezione di una ragazza (apparentemente?) morta, ma mettendo allo stesso tempo la pulce nell’orecchio al pubblico, facendo pensare loro che c’è anche un’altra spiegazione possibile. In questo senso, il personaggio della psicologa è assai funzionale, perché lo spettatore assiste alle vicende più dalla sua prospettiva che da quella di David. I King, in questo, hanno fatto un ottimo lavoro, almeno fino ad ora.
“Rose 390” è il quarto episodio e costituisce il primo, seppur piccolo, intoppo per la serie. Mettiamo le cose in chiaro: si ha e si continua ad avere piena fiducia in Michelle e Robert, ma non si può non riconoscere come questo episodio sia un po’ meno convincente dei precedenti.
Il caso diabolico della settimana ha come protagonista un bambino, il che di per sé è il cliché dei cliché quando si parla di genere horror e possessioni demoniache. Non sarebbe stato un problema insormontabile se avessero gestito la situazione in modo più originale di come invece hanno fatto. L’annegamento della sorella neonata per mano di Eric non è stata certamente una sorpresa per nessuno e si storce un po’ il naso di fronte a tanta scontatezza, non certo tipica degli show firmati King. In aggiunta alla quasi totale mancanza di originalità, preme sottolineare che il caso è stato trattato con eccessiva superficialità da parte di Kristen, che ha sempre avuto un occhio molto critico e attento. Com’è possibile che la dottoressa, che finora si è fatta in 4 per dare una spiegazione scientifica a ogni cosa, si affidi quasi ciecamente a un prete che pratica esorcismo per aiutare la famiglia di Eric? Eppure i segnali che il ragazzino soffrisse di un qualche tipo di psicopatologia c’erano tutti, non c’era poi niente di particolare nel bambino che potesse rendere così difficile e incerta una diagnosi clinica. La giustificazione che la donna abbia empatizzato con la situazione della mamma del ragazzo non è sufficiente a scagionare gli scrittori per questa forzatura.
L’altro elemento disturbante, in tutti i sensi, è rappresentato dalla trama orizzontale non pervenuta. Certo, il fatto che sembra esserci qualcosa che continua a tormentare casa Bouchard, in questo caso sotto forma di una bambina inquietante (Samara, sei tu?) nel VR Game delle bambine, può far pensare a un collegamento, ma è troppo poco per definirlo trama orizzontale. Evil potrebbe tranquillamente essere un procedural di qualità, ma è un format penalizzante per uno show che potrebbe aspirare a molto di più.
La sensazione generale data dall’episodio, nonostante il buon ritmo generale che ne rende comunque piacevolmente scorrevole la visione, è che sia il tipico “episodio di Halloween” (uscito con due settimane di anticipo) di una qualsiasi serie tv, dove vengono inseriti elementi “pseudo sovrannaturali” appositamente per l’occasione. Niente di più e niente di meno.

THUMBS UP THUMBS DOWN
  • Buon ritmo generale
  • Kristen inizia a legare anche con Ben, terzo membro del trio che si fa conoscere sempre di più
  • Discreta perfomance di Kolter
  • Trama orizzontale, che cos’è? Si mangia?
  • Il caso del giorno fin troppo banale per i canoni King
  • Atteggiamento di Kristen nei confronti del caso 
  • Assenza di Emerson

Nel “Pilot” si è concesso il beneficio del dubbio ai coniugi King e si vuole continuare a dar loro fiducia, ma la quasi totale mancanza di trama orizzontale unita a una trama verticale deboluccia deludono un po’. Il “Save” è da leggersi come un 6-.

3 Stars 1×03 3.67 milioni – 0.6 rating
Rose 390 1×04 3.74 milioni – 0.7 rating

Tags:

Distratta, eterna sognatrice e accumulatrice compulsiva di tazze di ogni forma e colore. Vive la sua vita tra mille paranoie, attacchi di ridarella immotivati e costante voglia di prendere il primo aereo per Londra. Nel tempo libero attende da più di quindici anni di ricevere la lettera per Hogwarts e guarda serie tv come se non ci fosse un domani. Normalmente è una persona pacata, ma provate a toglierle il caffè e si trasformerà in una belva feroce. Lorelai Gilmore docet.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Ultimissime

Evil 1×03 – 3 Stars

La recensione dello scorso episodio iniziava con queste parole: “Se “Pilot” aveva

Evil 1×01 – Pilot

David: “There are people in this world who are… connectors. They influence people.
error: Nice try :) Abbiamo disabilitato il tasto destro e la copiatura per proteggere il frutto del nostro duro lavoro.
Go to Top
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: