);

Marvel’s Agents Of S.H.I.E.L.D. 6×11 – From The AshesTEMPO DI LETTURA 5 min

/
Non è un segreto che questa sesta stagione di Agents of S.H.I.E.L.D. abbia deluso le aspettative di molti fan della serie per diversi motivi, tuttavia, sembra che il telefilm abbia imboccato la via della redenzione da qualche settimana a questa parte. Probabilmente complice anche l’ormai limitato numero di episodi che si prospetta prima della conclusione, la serie Marvel accelera finalmente il passo nella narrazione.
Dopo aver risolto il mistero dietro l’identità di Sarge, resta ancora un sostanziale dilemma non del tutto sviscerato riguardo il personaggio: il suo schieramento. E’ un villain, un eroe o un antieroe? Nel corso della stagione, in un modo o nell’altro il personaggio ha assunto agli occhi dello spettatore tutte e tre queste incarnazioni: presentato dapprima come antagonista, è diventato poi più un antieroe, considerando i suoi obiettivi in realtà legittimi ma i suoi mezzi moralmente discutibili. Con “From The Ashes”, si apre la definitiva possibilità che Sarge possa rivelarsi o divenire un eroe puro, viste anche le sue origini strettamente legate a Coulson.
L’episodio è infatti incentrato principalmente su due personaggi: Sarge e Daisy, entrambi intenti a metabolizzare e fare i conti con le informazioni rivelate da Izel nella puntata precedente. Sarge è visivamente più incerto rispetto al suo esordio, proprio per via di questa crisi d’identità che è stato portato ad affrontare. Daisy, al contrario, è più combattiva che mai, non solo nei confronti di Sarge stesso, ma anche verso il proprio team. Si è già avuta dimostrazione in più occasioni (in special modo nella recente quinta stagione) di come Daisy, quando si tratta di Coulson, si trasformi completamente. Questo episodio riporta infatti in superficie quella stessa Daisy fastidiosa e intrattabile che nella quinta stagione non poteva sopportare di lasciar morire Coulson. Qui, però, le motivazioni della ragazza sono totalmente opposte, infatti sembra essere l’unica convinta che Sarge non abbia niente a che spartire col suo vecchio superiore. In una sorta di lungo processo di accettazione e consapevolezza, Daisy finisce per scontrarsi (dal punto di vista puramente verbale, è necessario specificarlo) sia con May che con Jemma.

May:I wish he was back, to remind you of the days I was your S.O.

Anche May si accorge che Daisy inizia a prendersi un po’ troppe libertà, ignorando la volontà dei suoi compagni (ma del resto è un comportamento abbastanza frequente tra i membri del team) e atteggiandosi nuovamente a leader assoluto quando è assente il direttore. Un altro difetto del personaggio viene fatto emergere durante la sua conversazione con Simmons: “There was a reason you rushed off to space last year. […] You have a pattern: it happened after you got your powers, after Lincoln… You walked away. Everything around here reminded you of Coulson, so you left. You didn’t want to face it.” Con queste constatazioni da parte di Jemma, viene reso chiaro come Daisy ogni volta reagisca al dolore con la fuga. Il fatto che, a un anno dalla sua morte, non avesse ancora aperto la lettera lasciatagli da Coulson né è la prova.

Daisy:I didn’t want it to be possible.

La definitiva accettazione dei propri sentimenti arriva proprio durante il confronto finale tra Daisy e Sarge. Convinta di aver risvegliato l’entità mistica Pachakutiq dentro di lui, Daisy è pronta ad uccidere Sarge pur di ottenere informazioni riguardo Izel, ma è chiaro che sotto questo suo comportamento ci sia ben altro. Ancora una volta, per non rimanere ferita, la ragazza fugge dalle proprie emozioni decidendo letteralmente di uccidere la speranza che Coulson possa in qualche modo essere tornato. Solo quando le parole di Sarge rendono chiara la sua connessione con il vecchio direttore allora, finalmente, legittima le proprie attese e si dà il permesso di credere che sia ancora possibile recuperare il proprio mentore.
Finalmente, il percorso di Sarge è entrato nel suo ciclo finale, in cui ormai ha chiarito la sua posizione e la sua volontà di fermare Izel assieme al resto dello S.H.I.E.L.D.
Se la maggior parte dell’episodio si svolge attorno a questi due personaggi, per il resto invece vengono mostrati Mack e Yo-Yo alle prese con Izel, mentre preparano il terreno per l’ultima battaglia nel season finale. Oltre alla noiosa ed ennesima riconciliazione tra i due agenti, questa storyline conclude anche un’altra questione, aperta già dal primo episodio della stagione: il rapporto di Benson con l’ormai defunto marito. La manifestazione della paura del nuovo scienziato dello S.H.I.E.L.D. si rivela essere proprio il senso di colpa che lo attanaglia per aver lasciato morire la persona da lui più amata. La scena risulta toccante e ben contestualizzata all’interno dell’episodio, anche se si risolve tutto un po’ troppo in fretta, ma del resto non era quello il focus principale della puntata.
“From The Ashes” si rivela essere un episodio tutto sommato ben costruito e che mantiene costante l’interesse dall’inizio alla fine. Con i colpi di scena finali riguardanti la comparsa di Flint e l’ammutinamento dei Chronicom, sicuramente c’è tanta carne al fuoco per il season finale e le aspettative ormai si alzano parecchio.

 

THUMBS UP THUMBS DOWN
  • Si chiude finalmente il ciclo di caratterizzazione di Sarge
  • Benson e suo marito
  • I colpi di scena a fine episodio che piazzano delle premesse interessanti per il finale di stagione
  • Analisi approfondita del personaggio di Daisy
  • Deke alla fine dimostra di avere una qualche utilità
  • La relazione tra Mack e Yo-Yo sempre più noiosa
  • Alcune scene troppo frettolose
  • Deke (prima di rendersi finalmente utile a qualcosa)

 

Dopo aver visto questo undicesimo episodio, sicuramente è una la domanda che più attanaglia i fan della serie: “Clark Gregg quindi tornerà anche nel cast della settima e ultima stagione?”

 

Leap 6×10 2.38 milioni – 0.5 rating
From The Ashes 6×11 2.14 milioni – 0.4 rating

Andrea De Angelis

Appassionato di horror, fantasy e soprattutto di fumetti. Così disorganizzato che anche la stesura della biografia è stata procrastinata all'inverosimile, cerca di andare avanti a passi piccoli e costanti, ma finisce per essere distratto dalle mille serie e film che escono lungo il tragitto.
Avvertenze: di norma è gentile e amichevole, ma parlare di viaggi nel tempo potrebbe innescare in lui "l'effetto Gremlin".

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Previous

Orange Is The New Black 7x05 - Minority Deport

Next

Legion 3x06 - Chapter 25

error: Nice try :) Abbiamo disabilitato il tasto destro e la copiatura per proteggere il frutto del nostro duro lavoro.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: