Suits 5×14 – Self DefenseTEMPO DI LETTURA 4 min

in Recensioni/Suits by

Fine dei giochi. Dopo puntate passate ad assistere a botta e risposta di preparazione tra il duo Harvey/Mike e il procuratore Anita Gibbs, il momento cruciale atteso e temuto sin dall’istante dell’arresto di Mike è arrivato: the trial is here. Seppur decisamente in anticipo rispetto ai piani dei nostri avvocati, non si può certo dire che, in questa occasione, la mossa della Gibbs non abbia fatto piacere ai fan: come sottolineato nella scorsa recensione infatti, gli ultimi episodi iniziavano a confondersi gli uni con gli altri per somiglianza di struttura ed avvenimenti che sapevano tanto di un tentativo di procrastinare l’inevitabile.
Self Defense invece, è un episodio che sorprende e che non segna solo l’inizio del processo, regalando già alcuni colpi ben assestati, ma trasforma quello che nei primi minuti poteva sembrare come un’ennesima scusa di filler, ossia il finto processo, in un’occasione stimolante e coinvolgente come solo gli scontri tra Havey e Mike possono essere. The trial run che ci viene presentato infatti, non appare assolutamente come una perdita di tempo, grazie soprattutto alle due parti coinvolte, che seppur uno contro l’altro, riescono sempre a far uscire scenicamente il meglio in tutte le situazioni: qualsiasi cosa facciano Harvey e Mike, insieme funzionano sempre, regalando non solo uno scontro tra “titani”, ma anche quelle frasi ad effetto tipiche del linguaggio dinamico ed ironico di Suits, che da sempre caratterizzano i loro dialoghi:
“I guess you needed some extra tutoring, huh?”
“I’ll lock you in a room until this trial starts if you say that again.”
Ma terminato il processo simulato senza vincitori ne vinti, è il processo vero e proprio che regala le prime soddisfazioni e le prime battute d’arresto. La situazione di Mike rimane fortemente in bilico, ma vedere Harvey fare a pezzi in un attimo la testimonianza di Trevor colpo su colpo, ha regalato sicuramente un certo senso di piacevole appagamento.
Meno giovamento ha invece portato l’introduzione dei vecchi compagni associati di Mike; l’intervento di Jimmy non è sembrato propriamente funzionale, considerando la totale non veridicità della testimonianza, al punto da chiedersi se vale la pena continuare ad aggiungere ulteriori figure alla lista dei liars.
Una situazione, quella del mentire sotto processo, che sembra già abbastanza complicata per chi è dentro sin dall’inizio. Il “passo falso” di Donna durante la sua testimonianza è apparso come una comprensibile debolezza, seppur inaspettata, da parte del suo personaggio. Ma forse è stato proprio questo a renderlo ancora più vero. E se Donna si è lasciata sopraffare, sembra che un inaspettato scambio di ruoli sia avvenuto tra lei e Rachel in questa puntata, con  quest’ultima che per una volta prende una posizione e consiglia Mike secondo ciò che lei pensa a non con il solito “I think you are the best person to make that call.”
Self Defense è stata quindi una puntata ricca dal primo all’ultimo, regalando spunti anche nel finale; la Gibbs continua a sbucare da tutte le parti peggio degli esattori delle tasse e questa volta nel suo mirino c’è Louis. Nel corso delle stagioni lo abbiamo visto più volte nelle vesti di doppiogiochista e per questo, sicuramente intrigante è la scelta di porre proprio Louis al centro di questo pericoloso bivio proprio all’ultimo giro (#InLouisWeTrust).
Ma interessante è anche la conclusione a cui arriva Harvey nel finale; se inizialmente l’idea di Mike di auto difendersi non sembrava essere la migliore, la confessione finale di Harvey sembra portare tutto su un altro piano: il miglior avvocato di New York ammette che le speranze di vittoria sono decisamente scarse e che per uscirne interi è necessario “give them a reason to want to let you go”. E qui arriva il colpo ad effetto lanciato dagli autori.
Sin dalla prima stagione Suits ha descritto quest’unione, man mano diventata formidabile, tra Harvey e Mike, due persone differenti che nell’affrontare i casi si compensavano a vicenda; raggiunta l’ultima spiaggia nel processo delle loro vite e resisi conto che le abilità di Harvey non sembrano essere abbastanza in questo caso, ecco che subentra l’altra metà della squadra; quelle qualità umane tipiche di Mike che nel corso delle stagioni a volte sono sembrate anche esagerate, ma che come ha sottolineato la gradita ricomparsa di Benjamin in questo episodio, qualche effetto lo producono, potrebbero adesso fungere da mossa vincente per conquistare la giuria e lasciarlo andare? Di sicuro vale la pena provare.

THUMBS UP THUMBS DOWN
  • Harvey che smonta Trevor 
  • Il processo simulato tra Harvey e Mike
  • L’ultima chance con Mike alla guida della sua difesa
  • Jessica badass vs Gibbs
  • Il coinvolgimento degli ex associati  
  • Il momento di debolezza di Donna: semplicemente perché la preferiamo nei suoi standard abituali
  • Louis???
Dopo alcuni episodi di assestamento, Suits ingrana di nuovo la marcia; il processo è iniziato, adesso si fa sul serio e con solo due episodi al termine della quinta stagione, era anche arrivato il momento. 
God’s Green Earth 5×13 1.71 milioni – 0.5 rating
Self Defense 5×14 1.57 milioni – 0.5 rating

Tags:

Sulla soglia della trentina, laureata in Comunicazione, tra le sue passioni spiccano telefilm e libri. Ha un carattere allegro e socievole, ma nei momenti opportuni sa trasformarsi; questa sua versione di dottor Jekyll e mister Hyde tuttavia, non le impedisce di avere un'estrema sensibilità che la porta quasi sempre a tifare per lo sfigato di turno tra i personaggi cui si appassiona: per dirla alla Tyrion Lannister, ha un debole per “cripples, bastards and broken things”. Tra le sue prospettive future compare il tentativo di risoluzione di un dubbio alquanto amletico: recuperare o no Lost? Si accettano consigli.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Ultimissime

error: Nice try :) Abbiamo disabilitato il tasto destro e la copiatura per proteggere il frutto del nostro duro lavoro.
Go to Top
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: