Suits 6×06 – SpainTEMPO DI LETTURA 3 min

in Recensioni/Suits by

“When people start sweating, they start talking.”

La puntata inizia subito con un colpo al cuore per gli spettatori: un incubo fa capire quanto il carcere stia nuocendo alla grande mente di Mike. Urge tirare fuori di lì il ragazzo al più presto, o si perderebbe una delle ragioni, se non la vera ragion d’essere, di questa serie. Come era facilmente prevedibile, entra in scena lo psicologo, ovviamente seguendo il cliché dei telefilm, completamente contrario alla deontologia professionale a cui un terapista dovrebbe attenersi nella vita reale, ma tant’é. Vedremo se il suo raccontare di sé raggiungerà gli esiti sperati, ma c’è da dubitarne.
Tolti questi sassolini dalle scarpe, si possono affrontare argomenti decisamente più piacevoli: primo fra tutti, la sotto trama di Rachel. La ragazza si dà da fare con coraggio ed energia, approfondendo sempre più il caso del suo condannato a morte e il suo impegno verso il detenuto. Sembra quasi una di quelle donne che, in tempo di guerra, assistevano feriti sconosciuti, nella speranza che un’altra, chissà dove, facesse lo stesso per il loro amato partito soldato.
Abbiamo poi i deliziosi siparietti tra Louis, Donna e Tara l’arredatrice: a questo punto, dopo tanto profondere grazia e simpatia, la love story meriterebbe di andare in porto, magari solo per far tornare Mr. Litt nella sua forma migliore (non per niente, si è vista la gatta Mikado in una foto incorniciata). Parlando della trama principale, invece, non ci sono grandi avanzamenti, ma vengono rivelati dei retroscena e si chiariscono molto bene le motivazioni di Kevin Miller e di Sean Cahill. Proprio qui, nelle pieghe, viene pure fuori la spiegazione del titolo dell’episodio, che non c’entra niente con la famosa rana che gracida in campagna, o with the rain on a plain, per dirla nella versione inglese: è il posto dove la madre di Sean avrebbe voluto concedersi una vacanza, dopo un’onorata carriera da insegnante elementare, ma non ha potuto, perché aveva perso i soldi affidati al losco William Sutter. Quest’ultimo si sta rivelando il vero villain di stagione, ma non tanto per quello che fa attivamente. Egli non dà contro allo studio Pearson-Specter-Litt, piuttosto crea ostacoli, perché i titolari del medesimo devono camminare sul filo del rasoio, fino a decidere se opporsi a lui, denunciando le sue pratiche di insider trading, o favorirlo. Il nodo è complicato, perché nel primo caso sarebbe la salvezza di Mike e pure di Kevin, ma non dello studio, nel caso opposto sarebbe la salvezza dello studio, ma i due simpatici galeotti andrebbero incontro ad un triste destino.

THUMBS UP THUMBS DOWN
  • La sotto trama di Rachel
  • Piano piano, i pezzi del puzzle vengono rivelati e vanno a posto
  • Piccoli dettagli, come i quadri con le ballerine e le foto dei gatti (soprattutto Mikado) incorniciate in stile
  • Spiace vedere come la prigione danneggi la grande mente di Mike
  • Lo psicologo

Ci vuole un po’ di pazienza, ma il quadro generale si va delineando, in attesa di imboccare il rettilineo per la volata finale. Non ci vorrà molto.
Trust 6×05 1.50 milioni – 0.4 rating
Spain 6×06 1.68 milioni – 0.4 rating



Sponsored by Suits Italia

Tags:

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Ultimissime

error: Nice try :) Abbiamo disabilitato il tasto destro e la copiatura per proteggere il frutto del nostro duro lavoro.
Go to Top
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: