Marvel’s The Punisher 1×04 – ResupplyTEMPO DI LETTURA 4 min

in Marvel's The Punisher/Recensioni by

Fin dal primo episodio di questa nuova serie targata Netflix, si erano notati i ritmi molto più lenti e costruttivi rispetto ad un comune show Marvel.  La storia di Frank ed i suoi comprimari è infatti qualcosa di atipico, che non pretende dallo spettatore un’immediata comprensione, ma che gioca sulla voglia di mistero di quest’ultimo. Le ambientazioni scure, i personaggi immorali ed i complotti che circondano il protagonista, non fanno altro che da sfondo ad un uomo tormentato e violento, che attraverso una pila di cadaveri cerca la vendetta ed un possibile perdono verso una famiglia che non ha saputo proteggere. Un vigilante carismatico ed una spalla altrettanto interessante come Micro non sono tuttavia gli unici che popolano lo show, e nel bene o nel male bisogna seguire anche le gesta di altri soggetti.

BILLY RUSSO


Billy:We didn’t want our lives to be just…gray. We wanted them to mean something.

Uno dei più grandi fiori all’occhiello delle serie targate Marvel/Netflix sono sempre stati i villains, personaggi che riuscivano perfettamente a incutere timore nello spettatore ed allo stesso tempo a non risultare troppo banali o stereotipati. Guardando più in generale è fondamentale capire come sia necessario un buon cattivo in una storia di supereroi o vigilanti. Dove c’è il male dovrà esserci il bene, una contrapposizione molto semplice e banale, che non può mai essere scordata quando si parla di prodotti d’intrattenimento del genere. Quello che è ancora da capire è quale strada intraprenderà Billy: quella malvagia della controparte cartacea o una nuova più positiva? Si può infatti dire che il personaggio interpretato da Ben Barnes non abbia ancora preso una direzione e sia rimasto fermo ad una caratterizzazione standard che non stupisce e che non si rende sicuramente degna di nota. La speranza per i futuri episodi è quella che subisca un salto qualitativo, marcando molto di più la sua personalità, diventando magari il nuovo Kingpin o Killgrave.

 

LEWIS WALCOTT


Curtis:You see, when you look in a mirror, you still see a soldier. And now, in these streets, that soldier is invisible to everyone else.

Il disturbo da stress post traumatico è una patologia che può verificarsi a seguito di un fattore estremo, che può aver implicato la morte di qualcuno, problema che molti veterani riscontrano una volta tornati a casa dal campo di battaglia. Il soldato spesso non lascia mai la guerra, che rimane impiantata nel suo cervello, alienandolo da quella vita “normale” che inizialmente desiderava. Lewis ne è un chiaro esempio, ed è proprio qui che sta la sua bellezza. Sebbene il personaggio non sia ancora esattamente ben inserito nella vicenda generale, e pur soffrendo della stessa insipidità di Billy, ha comunque il pregio di portare sullo schermo uno dei grandi problemi della psicologia moderna. Nei precedenti show che univano Marvel e Netflix, si era avuto modo di vedere la trattazione di alcune tematiche adulte (come la tossicodipendenza, l’annichilimento psicologico ecc.) che portavano il crudo mondo reale all’interno di un universo nato per intrattenere i più giovani, creando un mix che dava spessore ai personaggi ed alla serie in generale. The Punisher non è da meno. Con una sequenza di immagini suggestive e potenti (come quella del bunker), lo spettatore è portato a vedere in maniera cruda e realistica quello che può imporre nella mente di un uomo la guerra, portandolo spesso alla follia e all’estraneazione dalla società. Una visione poco piacevole, che riesce però a portare la serie ad un gradino superiore.

 

DINAH MADANI


Dinah:First Kandahar, now Wolf. Seems like everyone’s telling me what not to investigate.

Le donne forti ed indipendenti sono sempre state oggetto di varie trasposizioni visive, andando spesso ad oscurare la figura principale maschile con il loro carisma: Dinah Madani potrebbe diventare una di queste. Nei precedenti episodi si era notato come la sua vicenda e quella del collega fossero completamente distaccate dagli avvenimenti principali. Uno degli errori ricorrenti in ambito televisivo degli ultimi anni è infatti quello di aprire troppe sottotrame contemporaneamente, senza riuscire a collegarle tutte. Nella scena finale di questo episodio tuttavia, la poliziotta incontra finalmente il protagonista, aprendo nuove porte alla storia ed in particolare al suo personaggio. La ragazza ha del potenziale, che potrebbe essere sfruttato in maniera proficua se messa a contatto con Frank, ed il loro primo incontro ne è la prova; adrenalinico e ben realizzato, non può che far ben sperare per il futuro. Con l’unione tra la storyline principale e la sua, si potrebbe assistere nei prossimi episodi ad indagini più accese e dalle tinte noir, come quelle di Jessica Jones, che riusciranno magari a dare più spessore ed importanza all’agente facendola diventare il character memorabile che ora non è, ma che potrebbe essere.

 

THUMBS UP THUMBS DOWN
  • Il cameo di Turk Barrett
  • Duo Punisher/Micro
  • Rappresentazione dello stress post traumatico
  • Incontro finale tra Castle e Madani
  • Mancanza di un vero Villain
  • Billy Russo ed alcuni personaggi ancora difficili da inquadrare
  • Ritmo sempre da migliorare

 

Un episodio di intermezzo che apre la strada a nuove possibilità, ponendo le basi per nuovi scontri e analizzando nella giusta maniera alcune tematiche delicate, lasciando tuttavia per strada alcuni personaggi, che potrebbero riscattarsi nei prossimi episodi.

 

Kandahar 1×03 N.D milioni – ND rating
Resupply 1×04 N.D milioni – N.D rating

 

 

Nato in un freddo autunno degli anni 90, questo giovane recensore ha dedicato la propria vita al servizio della grande causa del mondo televisivo, contrastando le pessime serie e chi le guarda.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Ultimissime

error: Nice try :) Abbiamo disabilitato il tasto destro e la copiatura per proteggere il frutto del nostro duro lavoro.
Go to Top
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: