Shameless 8×10 – Church Of Gay JesusTEMPO DI LETTURA 5 min

in Recensioni/Shameless by

Normalmente non lo facciamo (anche per abitudine o scelta del recensore di turno che si è guadagnato il diritto di scrivere dell’episodio) ma, giusto per cambiare, imposteremo questa recensione di “Church Of Gay Jesus” in maniera più schematica possibile, in modo da enfatizzare la penta-struttura con cui lo show è nato, cresciuto e sviluppato. Se si guarda indietro alle precedenti puntate, si potrà infatti constatare uno schema che enfatizza, puntata dopo puntata, sempre due-tre character, lasciando poi agli altri personaggi un minutaggio più risicato ma pur sempre utile a mandare leggermente avanti la loro personale storyline. L’unica costante in tutto ciò è la rotazione dei “main character” di giornata, che poi alla fine detta anche la bontà finale della puntata.

Chi ce l’ha fatta (nella chiesa del Gesù gay)


I fortunelli appartenenti a questa categoria sono ovviamente Lip, Ian e (as usual) Fiona. Il minutaggio dedicato a tutti e tre, oltre che la trama più ricca e profonda di eventi, non può infatti che metterli sotto i riflettori rimpolpando quella che è una stagione finora sufficiente ma non eccezionale. I cambiamenti e le evoluzioni sono sempre di casa in Shameless, quasi rappresentassero un costante rinnovamento atto a supportare uno spirito d’autoconservazione dirompente e sempre vivo. In tal senso Lip, Ian e Fiona stanno infatti cercando la loro quadratura del cerchio ma, al tempo stesso, rimangono sempre sopraffatti dagli eventi, eventi che alla fine li costringono a cambiare e adattarsi. Ed è un bene che sia così, giusto per chiarire nel caso sembrasse che stessimo criticando la cosa.

  • Fiona, dopo una stagione passata a ricostruirsi una vita in solitaria nel “after Sean”, ritorna disponibile sentimentalmente con un personaggio (Ford) che è ben distante dall’essere convincente, anche se fa il suo sporco dovere di “character out of the scheme” come si confà alla fauna del South Side. Le conseguenze di questa liaison sono prevedibilissime vista la prole e lo stuolo di ex fidanzate ancora amiche presenti nella sua vita quotidiana, tuttavia ciò, dal lato videoludico di chi scrive e guarda, rappresenta un’ottima pentola a pressione da far scoppiare nella prossima stagione. Ergo: non ci si può lamentare.
  • Anche Gay Jesus Ian sta lentamente cambiando il suo status quo andando incontro ad una fresca incoronazione e questo è un bene perché si stanno toccando delle corde che finora non erano state ancora toccate con il character di Monaghan, attore capacissimo di ottime prestazioni se lo vuole e se gliene viene data la possibilità. Da un lato l’idea di avere un Gallagher in versione predicatore non è nuova, Frank era infatti assurto agli onori delle cronache come combattente per i diritti gay nella 3° stagione, dall’altro è chiaramente una buona storyline che non sfrutta nuovamente il suo bipolarismo ed è anche abbastanza aderente all’evoluzione del personaggio, oltre che alla sua storia personale.
  • Ed infine viene Lip, il Gallagher che, in silenzio e mestamente, sta affrontando un’ottima annata dal punto di vista della crescita personale, andando a risollevarsi dopo i fasti non ottimi delle scorse 2-3 stagioni. Ed anche per lui le cose ovviamente sono ben lungi dall’essere perfette ma, in questo contesto di costante avvilimento, Lip sta provando con successo a non annegare. La morte di Youens è l’ennesimo colpo basso che la vita Wells gli ha tenuto in serbo e che è arrivato come un fulmine a ciel sereno dopo un’escalation negativa partita dall’incidente in auto e finita con il carcere. Il modo in cui Lip affronta il lutto del suo mentore è molto forte ed in puro stile Philip Gallagher, ovvero il modo in cui il character ha dato sempre il meglio di sé. Da qui ci sono solo due possibili strade che può però prendere e che segneranno in positivo o in negativo il suo personale valore aggiunto alla serie: un ritorno all’alcolismo o un “bright new future”. Up to fucking Wells the final decision.

Chi non ce l’ha fatta (nella chiesa del Gesù gay)


Dall’altra parte della barricata in “Church Of Gay Jesus” c’è tutto il resto della famiglia Gallagher più i proprietari dell’Alibi. Chi più (Carl e Kassidi) e chi meno (Debbie), tutti in qualche modo danno un apporto ad una puntata già abbastanza pregna di eventi e di evoluzioni. Va però sottolineato che, se una puntata di Shameless supera la sufficienza andando a guadagnarsi un Thank o un Bless Them All, il merito non è solo delle storyline principali ma anche e soprattutto di quelle secondarie che vanno ad arricchire la portata principale. Ed in tal senso un Frank che sfrutta le sue conoscenze di marketing per produrre magliette di Gay Jesus o un Carl che alla fine si sposa non possono che far spiccare in alto l’episodio. Perfino il trio V-Kevin-Svetlana riesce a tirar fuori qualcosa di buono e non è da poco visto che da diverse stagioni tutto si è abbastanza afflosciato da quel lato, circa da quando le interazioni con i Gallagher si sono mantenute al minimo indispensabile ed è venuta meno la famiglia allargata con cui si erano presentati nelle prime stagioni.
Ovviamente in tutto ciò Debbie è, rimane e resterà l’anello debole dello show. Merito/colpa di una gestione del personaggio che è andata ad ingraziarsi le inimicizie del pubblico con battute, atteggiamenti e storyline indegne. È da un paio di stagioni (circa dalla gravidanza) che Debbie è diventata un corpo estraneo allo show e, come tale, bisogna ammettere che è molto difficile apprezzare una qualsiasi scena con lei presente. Detto questo, il lavoro illegale in notturna è uno dei meno peggio visti finora.

 

THUMBS UP THUMBS DOWN
  • Ian “Gay Jesus” Gallagher: una buona evoluzione
  • Buon supporto alla trama proveniente dalle storyline secondarie
  • Lip in trance agonistica
  • Tutto sommato una delle migliori puntate della stagione per ritmo ed intensità
  • Ford continua a non piacere
  • E Debbie lo segue a ruota

 

Ancora lontani dai fasti che si vorrebbe vedere ma più distanti dal baratro della noia. Un buon compromesso no?

 

The Fugees 8×09 1.65 milioni – 0.7 rating
Church Of Gay Jesus 8×10 1.52 milioni – 0.6 rating

 

Sponsored by Shameless US Italian Page• Cameron Monaghan Italy •

Tags:

Appassionato di fumetti, film e telefilm, ha un'età compresa tra i 20 ed i 33 anni ed è noto ai più per essere il fondatore del "Progetto Recenserie". E' un burbero dal cuore d'oro che gira per l'etere con una maschera di Venom continuando a ripetere che i Bloody Beetroots lo hanno copiato ma nessuno gli crede. Nel sottobosco del web si dice che abbia una laurea in statistica, una in economia ed una smodata passione per la scrittura tanto che pensa di poter scrivere un libro per vendere i diritti ad Hollywood per un film. Sognatore.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Ultimissime

error: Nice try :) Abbiamo disabilitato il tasto destro e la copiatura per proteggere il frutto del nostro duro lavoro.
Go to Top
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: