The Flash 4×23 – We Are The FlashTEMPO DI LETTURA 4 min

in Recensioni/The Flash by
Il season finale della quarta stagione di The Flash riassume tutto sommato l’andazzo di questa quarta annata del Velocista Scarlatto: una corsa di 23 episodi che hanno visto più inciampi e battute d’arresto che altro. “We Are The Flash” non fa molta eccezione.
Il giudizio finale del quarto capitolo della saga di Barry Allen risulta essere estremamente bilanciato, ma solo perché quest’anno la serie ne ha azzeccate tante quante ne ha sbagliate, raggiungendo nel complesso un voto sufficiente: anche se, a volte, solo per il rotto della cuffia. Come detto prima, “We Are The Flash” è praticamente l’avatar della stagione dato che presenta al suo interno tanti momenti elettrizzanti quanti da facepalm agonistico.
Per fare qualche esempio, il salvataggio di Ralph Dibny e il viaggio di Barry nella tesa di Clifford DeVoe, con conseguente team-up dei due eroi contro il Pensatore, sono stati momenti alla fin fine godibili, se presi però per quello che sono. Sono state delle sequenze ben coreografate e che hanno dato modo di vedere in azione una coppia che funziona, oltre che condite con un mare di CGI utile per galvanizzare lo scontro (anche se sembravano comprati al mercato delle pulci).
Tuttavia, se si pensa che questo è il modo per far uscire di scena DeVoe dopo una stagione che ha cercato per la prima volta di non mettere come villain stagionale un velocista e provare qualcosa di diverso, omologarsi alla classica scazzottata finale che ricorda gli oscuri periodi di Matrix Reloaded, quando l’insegna della stagione è stata la pianificazione e il potere del pensiero, è una direzione piuttosto contraddittoria e oltremodo deludente visti gli sforzi degli showrunner di caratterizzare l’intelligenza di DeVoe e il rapporto che c’è tra lui e Barry.
La dipartita finale di DeVoe avrebbe dovuto essere caratterizzata come una partita a scacchi senza esclusione di colpi, una sfida dove il villain avrebbe perso imparando la lezione che l’intelligenza da sola spesso non basta a battere il gioco di squadra, la passione e la dedicazione di persone fortemente motivate e con ben chiari i propri obiettivi e qualità. Tutto ciò non c’è stato ed il finale – che poteva dare e osare di più – è stato banalizzato con una mera schermaglia che non ha fatto altro che confermare la qualità altalenante della stagione. Banalizzato e, inoltre, schernito, visto che il Pensatore viene sconfitto con delle mosse parecchio scontate e che il suo cervello potenziato avrebbe dovuto prevedere; ma a quanto pare nemmeno il Pensatore può prevedere le forzature e le facilonerie della The CW.
Oltretutto, la 4×23 è stata così impegnata a chiudere tutte le trame in attivo in fretta e furia che lo spettatore addirittura dimentica il perché DeVoe ce l’abbia avuta così tanto con Flash, ma non solo: non prova nemmeno il senso di pericolo per i protagonisti e la sensazione che tutto potrebbe effettivamente finire male per il Velocista come nel season finale dell’anno scorso, trasformando una puntata in cui bisogna provare emozioni allo stato puro in una come un’altra. La conferma arriva pure con il cliffhanger finale.
Ogni stagione si è conclusa con un drammatico cliffhanger di qualche tipo. Ok che non si può avere sempre tutto dalla vita, ma il massimo che si è ottenuto questa è stata la rivelazione dell’ultima ora dell’identità della ragazza misteriosa comparsa qua e là per tutta la stagione in una maniera a dir poco superficiale. Forse questo approccio più tranquillo magari ripagherà nella quinta stagione, visto che The Flash ha la brutta abitudine di sperperare il potenziale ricavabile dai suoi cliffhanger. Tuttavia la rivelazione di Nora Allen non fa molto per alleviare il senso di delusione e indifferenza che circonda il finale.

 

THUMBS UP THUMBS DOWN
  • Flash & Elongated Man VS Pensatore
  • Tanta CGI
  • Nora Allen! 
  • Flash & Elongated Man VS Pensatore
  • Dove poteva esserci uno scontro finale più particolare, si è scelta la via più facile
  • Tanta CGI
  • Nora Allen
  • Un episodio come un altro anche se è il season finale
  • Forzature e facilonerie

 

Per dirla come Alpha, il robottino ansiogeno dei Power Rangers: “ahi ahi ahi“.
Con “We Are The Flash” si chiude la quarta stagione in bruttezza, sprecando l’occasione di confezionare un season finale che poteva aggiustare qualcosina. Con la quinta stagione The Flash dovrà fare enormi sforzi per risollevarsi e tornare a correre come prima.

 

Think Fast 4×22 1.93 milioni – 0.7 rating
We Are The Flash 4×23 2.16 milioni – 0.8 rating

Tags:

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Ultimissime

error: Nice try :) Abbiamo disabilitato il tasto destro e la copiatura per proteggere il frutto del nostro duro lavoro.
Go to Top
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: