Better Call Saul 4×04 – TalkTEMPO DI LETTURA 3 min

in Better Call Saul/Recensioni by

Sono due le questioni esistenziali che assillano il fan medio di Better Call Saul: l’incessante paragone con la più celebre Breaking Bad e l’ossessiva ricerca del momento chiave in cui James McGill si trasformerà definitivamente in Saul Goodman, nemmeno fosse un Pokemon. Questo faticoso lavoro che qualcuno dovrà pur fare, fa sì che, una serie che narrativamente parlando sfiora la perfezione assoluta, non venga mai apprezzata abbastanza. L’immensa bravura di Vince Gilligan emerge clamorosamente puntata dopo puntata, per uno show che sviluppa lentamente la propria trama orizzontale senza però mai sbagliare un colpo o una singola scena, vista la maniacale cura per i più piccoli dettagli. Nonostante i grandi meriti, gli ascolti della serie sono più bassi che mai e portano a pensare che essere uno spin-off di Breaking Bad sia divenuto ormai uno svantaggio e non un enorme trampolino di lancio, che avrà di certo aiutato all’inizio ma, giunti alla quarta stagione, non sembra più portare i suoi frutti. Senza dubbio Better Call Saul, come Waco e Trust tanto per fare altri esempi, è una di quelle serie che, nonostante la grandissima qualità che la contraddistingue, non ha ricevuto il giusto riconoscimento tra gli spettatori.

“Chi in cento battaglie riporta cento vittorie, non è il più abile in assoluto; al contrario, chi non dà nemmeno battaglia, e sottomette le truppe dell’avversario, è il più abile in assoluto”. (Sun Tzu)

In questo episodio, nonostante il basso screen time dedicato al character di Jimmy, la narrazione scorre lenta ma piacevole, con le diverse pedine che si muovono per obiettivi che verranno raggiunti nelle prossime puntate. Quarantacinque minuti di transizione tra Kim alla ricerca del suo amore per la legge, Jimmy diviso tra bugie e inutili lavori ed un Mike la cui natura da ex poliziotto ne garantisce la sopravvivenza nelle situazioni più disparate.
Ma ad emergere ancora una volta è un Gus Fring, machiavellico come sempre, che attraverso un piano a dir poco perfetto riesce ad allargare il proprio territorio e di conseguenza i suoi affari criminali. Una strategia di larghe vedute studiata in ogni minimo particolare, da far invidia a Sun Tzu in persona, dove muovendo a proprio piacimento le diverse famiglie legate al narcotraffico, l’imprenditore criminale ottiene il massimo risultato con il minimo sforzo. Tuttavia, nonostante l’evidente genialità, viene smascherato nei suoi intenti da Nacho, sgherro dalla peculiare intelligenza. Un personaggio che è cresciuto costantemente puntata dopo puntata e che per ora rappresenta la vera sorpresa di questa stagione, poiché tutti gli altri main character si erano già ampiamente affermati nella serie madre. Infine, a dare un po’ di vivacità a questo lento episodio in stile Gilligan ci pensano i fratelli Salamanca i quali, nonostante abbiano più attributi che cervello, regalano ai fan un po’ di azione dura e pura che non guasta mai, soprattutto se contestualizzata all’interno dell’elaborato piano del boss di Los Pollos Hermanos e non buttata a caso come nella quasi totalità dei film d’azione americani.

 

THUMBS UP THUMBS DOWN
  • Cura maniacale di ogni scena, dialogo e dettaglio
  • Fratelli Salamanca
  • L’intelligenza di Nacho
  • Il piano di Gus Fring
  • Narrazione lenta ma piacevole
  • Niente da segnalare

 

Better Call Saul, la serie dal Thank Them All assicurato. Così verrà ricordata tra i recensori di RecenSerie, un po’ come quei centrocampisti che al di là della prestazione collettiva della squadra in cui giocano, riescono sempre ad ottenere un buon voto in pagella. La qualità è indiscutibile ma gli spettatori sono veramente pochi per tanta eccellenza seriale che si richiama poi ad una delle serie più note al mondo. “Se la sala è piena il film fa schifo” cantava Caparezza in una delle sue canzoni, concetto che ontologicamente può essere vero se si vuole guardare il bicchiere mezzo pieno, ma di certo i pessimi ascolti fanno temere per il futuro dello show, nonostante sia già stato rinnovato per una quinta stagione.

 

Something Beautiful 4×03 1.51 milioni – 0.4 rating
Talk 4×04 1.53 milioni – 0.4 rating

 

Sponsored by Better Call Saul Italia

Fra la movida tipica dello studente fuorisede a Bologna e la mia dipendenza da serie tv, sono riuscito anche a laurearmi in storia. Patito di cinema e ardito seguace di anime&manga giapponesi, frequento abitualmente serate di musica elettronica e concerti dei gruppi più disparati. Tra le mie numerose patologie spicca il mondo dei tattoo ; amo farmi tatuaggi, molti tatuaggi. Lostiano intransigente, trascino la mia lunga barba da una serie tv all'altra, sperando di risvegliarmi tra Kattegat e Winterfell. Nel frattempo assecondo la mia passione per il gin lemon, perchè la notte è buia e piena di terrori.

4 Comments

  1. Non credo perchè gli ascolti fanno riferimento agli Stati Uniti dove Better Call Saul dovrebbe essere in esclusiva su Amc e non essere presente sul catalogo Netflix

  2. Non vorrei dire una cavolata, ma è possibile che i bassi ascolti siano dovuti al suo essere disponibile anche su Netflix? Penso che molti lo seguano lì, non su AMC.

  3. In realtà no perchè in America non è Netflix a distribuirla, questo vale solo per la distribuzione internazionale.

  4. Ah ok, non lo sapevo che in America non è su Netflix! 🙂

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Ultimissime

error: Nice try :) Abbiamo disabilitato il tasto destro e la copiatura per proteggere il frutto del nostro duro lavoro.
Go to Top
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: