);

Dark 2×03 – Gespenster – GhostsTEMPO DI LETTURA 5 min

in Dark/Recensioni by

Dark 2x03 Bentornati nel passato in questo terzo episodio della nuova stagione di Dark. Dopo due puntate che hanno dato un seguito concreto e per niente banale al colpo di scena di fine stagione scorsa, dedicando particolare attenzione alla nuova dimensione temporale futura, in questa puntata la narrazione prosegue tutta nei due tempi passati del 1986 e del 1953.
Se qualcuno aveva pensato di avere già sott’occhio tutti i collegamenti tra i vecchi personaggi della serie, dovrà fare i conti con i fatti portati alla luce in questa terza puntata. Importanti rivelazioni stanno per essere fatte sull’universo di Widen e quella di maggior portata è sicuramente quella dell’inaspettato legame di sangue tra Noah ed Agnes Nielsen, fratello e sorella con un passato comune che è destinato a tornare alla luce con l’arrivo del nuovo ciclo temporale. Il rapporto conflittuale tra i due è destinato ad infittire la trama dell’universo di Dark, complicando il gioco di finte verità nel quale, peraltro, Noah sembra stia diventando sempre di più una pedina in mani altrui. La scoperta di questa nuova parentela fa infatti da sfondo all’evento più centrale dell’episodio che è la morte di Claudia. Il finto tradimento di Agnes, che sembra vendere Claudia a Noah, in realtà fa compiere esattamente gli eventi come stabilito e Noah è stato quindi proprio parte del piano di Claudia a dispetto di quanto egli stesso non rivendichi.

Noah: “Tu credi di potermi manipolare con le tue parole. Ma non sono più una delle tue pedine.”

Viene da chiedersi, inoltre, se una pedina non lo sia stata pure Agnes. Il suo è stato un effettivo tradimento o l’ennesimo tassello di puzzle rimesso da Claudia al proprio posto? È ancora troppo presto per stabilirlo con certezza. Quello che sappiamo, limitandoci ai fatti visti, è che durante l’incontro nel bunker Claudia dà ad Agnes l’articolo di giornale riportante la notizia della sua morte, ma non sappiamo cosa Agnes sappia sul contenuto delle ultime pagine che custodisce Claudia (il coinvolgimento di Charlotte potrebbe essere una sorpresa anche per lei, come lo è per Noah a fine puntata). Qual è quindi l’informazione che Agnes lascia scoprire al fratello in cambio del suo riscatto nella comunità di Adam? È possibile che Agnes stia effettivamente contribuendo al piano di Claudia (ci viene mostrato un sincero affetto tra le due durante il loro addio), ma sembra anche che stia cercando di mandare avanti in parallelo un piano personale di cui non conosciamo ancora nessun dettaglio. A voler essere più precisi, un unico dettaglio c’è e lo troviamo nel nono episodio della prima stagione, quando Agnes arriva a Widen si trova a far conoscenza con la sua oste, la madre di Claudia. Durante una conversazione tra le due erano passate quasi inosservate delle rivelazioni interessanti:

Mamma di Claudia: “Che lavoro faceva tuo marito?”
Agnes: “Era un pastore. Ma non posso proprio dire che era un uomo di fede.”
Mamma di Claudia: “Ti manca molto?”
Agnes: “Non era una brava persona. A volte penso che sia un bene che sia morto.”

Questo scambio di battute potrebbe lasciar presagire che all’origine del piano di Agnes ci sia un sentimento di vendetta e il fatto che suo marito fosse un pastore avrà molto probabilmente qualche collegamento con la setta di Adam e Noah.
Se da una parte l’episodio approfondisce il filone di Claudia e indirettamente quello di Noah, dall’altra si sviluppa la vicenda di Ulrich. Ciò non sembra essere affatto una scelta casuale dato che il legame di parentela coinvolge pure lui: se Agnes è sorella di Noah e nonna di Ulrich, significa che Ulrich stesso è imparentato con Noah (tecnicamente zio di secondo grado). Quello di Ulrich è stato senz’altro il più grande ritorno della stagione, dell’Ulrich vecchio, cresciuto imprigionato in un’altra dimensione temporale. La parentesi di Egon ed Ulrich torna ad essere centrale in questa seconda stagione (a sorpresa di chi scrive) e si rivela avere ancora un grosso potenziale narrativo. Il tema del poliziotto in pensione che ha i conti in sospeso con l’omicidio non risolto è stato reso in Dark in maniera per niente banale e continua a sorprenderci in direzione di un paradossale avvicinamento tra Egon ed Ulrich. Antagonisti per una vita, nonostante siano entrambi poliziotti ed entrambi ossessionati dalla verità sul piccolo Mads Nielsen, Egon ed Ulrich sono stati l’emblema di come il pregiudizio e l’ego portino alla distruzione della verità, e chissà che non otterranno un riscatto nella vecchiaia imparando finalmente a collaborare ed unire le forze, gettandosi alle spalle i rancori passati.
La qualità degli sviluppi della trama è ancora di alto livello e tiene altissime le aspettative del pubblico sulle prossime puntate. Il valore della serie però non si è mai limitato solo alla cura con la quale è stato intessuto l’intreccio dei personaggi. L’attenzione nell’alternare le sequenze narrative delle diverse linee temporali è sempre stata e continua ad essere uno dei punti assolutamente distintivi di Dark, che le fa prendere le dovute distanze dal calo qualitativo cui abbiamo assistito nel mondo seriale degli ultimi tempi. Tutto ciò lo ritroviamo in questo episodio, che ricalca perfettamente lo stile narrativo della prima stagione. Il climax ascendente di tensione che accompagna lo spettatore durante tutta la puntata e che porterà agli eventi conclusivi dell’uccisione di Claudia e della rivelazione di Mikkel ad Ulrich, viene efficacemente raddoppiato dalla struttura del racconto, che comincia riprendendo molteplici personaggi in ciascun universo temporale per poi aumentare il focus sulle due coppie antagoniste Claudia-Noah ed Ulrich-Egon. Continuiamo quindi a goderci la visione di questa serie che fino ad adesso sembra rivelarsi un piccolo “miracolo”, mantenendo un livello di continua sorpresa nello spettatore episodio dopo episodio senza scendere a compromessi su nulla, dalla trama alle scelte narrative.

 

THUMBS UP THUMBS DOWN
  • Agnes e Noah fratello e sorella
  • Claudia contro Noah
  • Ripresa delle indagini da parte di Egon
  • La rivelazione di Mikkel a Ulrich
  • La perdita di calma poco logico di Ulrich
  • La soundtrack

 

Dark riprende gli eventi del 1953 e del 1986, rivelandosi ancora una volta sorprendente negli sviluppi della trama e confermandosi una serie qualitativamente di altissimo livello.

 

Dunkel Materie 2×02 ND milioni – ND rating
Gespenster 2×03 ND milioni – ND rating

Tags:

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Ultimissime

error: Nice try :) Abbiamo disabilitato il tasto destro e la copiatura per proteggere il frutto del nostro duro lavoro.
Go to Top
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: