);

The Mandalorian 2×01 – Chapter 9: The MarshalTEMPO DI LETTURA 4 min

/
“Oh! Thank the Force!”

 

Dopo aver sbalordito sul finire del 2019, riuscendo a riprendere e restituire vigore ad un brand (quello di Star Wars) cinematograficamente fatto a brandelli (da pubblico e critica) con l’ultima trilogia andata in onda (o con i relativi film stand alone, si veda per esempio Solo: A Star Wars Story), The Mandalorian torna sul piccolo schermo con la sua seconda stagione.
Accantonata, almeno per ora, la pura e semplice protezione di The Child dalle grinfie di Moff Gideon, la storia sembra vertere su di un aspetto solamente abbozzato nel finire della prima stagione: riuscire a riportare The Child tra i membri della sua specie. Una ricerca complicata, sicuramente, ma che sembra non intimorire il mandaloriano sospinto dalla propria tradizione e dal proprio credo. La missione è chiara e non accetta alcun tipo di battuta d’arresto, nemmeno una trappola ad un improvvisato e grottesco scontro di boxe (con ascia).
L’avventura riprende da uno dei fulcri narrativi per eccellenza all’interno del mondo di Star Wars, il pianeta Tatooine, luogo segnalato in cui poter raccogliere ulteriori informazioni relativamente alla specie d’origine di The Child e, quindi, tappa forzata per portare a compimento questo tanto agognato (dal pubblico, come da Mando) ricongiungimento familiare.

 

“You don’t understand what it was like. The town was on its last legs. It started after we got news of the Death Star blowing up. The second one, that is. The Empire was pullin’ outta Tatooine. There was blaster fire over Mos Eisley. The occupation was over. We didn’t even have time to celebrate. That very night, the Mining Collective moved in. Power hates a vacuum and Mos Pelgo became a slave camp overnight.”

 

Accantonati per un attimo i diversi elementi sempre validi di The Mandalorian, andrebbe appuntato fin da subito l’insipidezza generale della trama di questa season premiere: il pubblico si ritrova ad osservare, impotente, una sorta di quest obbligata del personaggio principale per poter proseguire con la storia, il tutto senza aver la possibilità di interagire attivamente (come, per l’appunto, in un gioco). “Chapter 9: The Marshal” è interessante e, come di consueto, carico di strizzate d’occhio al fan di vecchia data (il drago Krayt, un droide rassomigliante a C3PO, i Jawas, i Sabbipodi ecc ecc), ma il tutto si circoscrive ad un puro e semplice piano per uccidere un drago che ha ben poco a spartire con la missione iniziale con cui la puntata si era aperta.
Un piano di uccisione che, oltretutto, fa acqua da tutte le parti: invece dell’arzigogolata idea delle cariche nascoste (lontanissime dalla grotta, tra l’altro) e delle “utilissime” balestre, non bastava riempire di caricare esplosive uno dei consueti animali sacrificali che i Sabbipodi già fornivano al Krayt e successivamente detonarle? Sarebbero state risparmiate un sacco di persone, morte inutilmente, ma soprattutto tempo (30 minuti contro i 54 della puntata, oggettivamente troppi).
Dal canto suo però “Chapter 9: The Marshal” si lascia guardare e trova ampio spazio per farsi perdonare:
  • la definitiva accettazione di Din Djarin degli androidi attorno ad un suo velivolo;
  • la sensazione western che restituisce sempre e comunque un prodotto collegato a Star Wars (specie se come sfondo si ha Tatooine);
  • Cobb Vanth, Vanth Refrigeration (interpretato da Timothy Olyphant), character ad ora lasciato a sé stesso ma, esattamente come già accaduto nella precedente stagione, facilmente tornerà nel momento del bisogno in soccorso del buon mandaloriano;
  • la tematica della cooperazione tra fazioni solitamente avverse che permette di restituire sia pace, sia un’alleanza possibilmente perpetua, una tematica affine ad ogni singola pellicola di Star Wars.

La serie di per sé, quindi, riparte con modalità affini all’universo narrativo e lo fa in grande stile riuscendo a sopperire ad una trama decisamente impalpabile sotto molti punti di vista. Ora che la quest secondaria è stata svolta sarebbe auspicabile poter tornare a vedere veri sviluppi ed una più concreta prosecuzione della storia. Altrimenti tanto vale accendere la PlayStation e giocare a Star Wars: Battlefront, almeno lì risulta esserci più partecipazione e meno passività.

“If we fight amongst ourselves, the monster will kill us all.”

 

THUMBS UPTHUMBS DOWN
  • Rimandi all’universo di Star Wars
  • Sabbipodi (Tusken Raiders) e Jawa
  • Baby Yoda che si nasconde (nella sua culla o nei vasi)
  • Lo scontro con il Krayt: scenicamente inattaccabile
  • Cobb Vanth
  • Tematica della cooperazione
  • Il piano dell’uccisione: tatticamente osceno
  • Sensazione di missione secondaria di un videogioco, non benissimo per essere il primo episodio di una nuova stagione

 

Puntata di intrattenimento che però non può essere considerato un ritorno in grande stile per The Mandalorian.

 

 

Conosciuto ai più come Aldo Raine detto L'Apache è vincitore del premio Oscar Luigi Scalfaro e più volte candidato al Golden Goal.
Avrebbe potuto cambiare il Mondo. Avrebbe potuto risollevare le sorti dell'umana stirpe. Avrebbe potuto risanare il debito pubblico. Ha preferito unirsi al team di RecenSerie per dar libero sfogo alle sue frustrazioni. L'unico uomo con la licenza polemica.

Rispondi

Precedente

This Is Us 5×01 – Forty: Part One

Prossima

Recenews – N°346

error: Nice try :) Abbiamo disabilitato il tasto destro e la copiatura per proteggere il frutto del nostro duro lavoro.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: