);

Mr Inbetween 3×03 – 3×04 – All I Ever Wanted – Cut The Crap PrincessTEMPO DI LETTURA 4 min

/

Mr-Inbetween-3x03La necessità di cambiamento per Ray inizia a farsi evidente episodio dopo episodio e lo spettatore viene progressivamente messo a conoscenza di questo bisogno fisiologico del protagonista principale.
La vita criminale e di dubbia moralità fin qui ottimamente rappresenta inizia ad essere troppo stretta per il personaggio interpretato da Ryan Scott, specialmente se esternamente attaccata da diversi fattori.
In “All I Ever Wanted” c’è il ritorno in scena del padre di Ray già apparso nelle precedenti stagioni e con il quale il rapporto è più che conflittuale. Eppure, considerata l’evidente demenza senile che affligge l’anziano, Ray lo accoglie in casa e cerca di averne cura (anche solo per una notte). A premere c’è poi la convivenza forzata con Gary, il migliore amico di Ray, che l’uomo vede lontano anni luce da se stesso e sembra non capacitarsi di come entrambi possano riuscire a condividere così tanto, specialmente se si tiene in considerazione Brittany, la figlia di Ray, che rende quest’ultimo sempre più “umano” ogni anno di più.

IL PESO DELLA FAMIGLIA


Proprio Brittany sembra essere riuscita a scalfire l’immobilità morale di Ray, lì dove Ally aveva fallito miseramente. La necessità di stare accanto alla figlia, di badare a lei mentre cresce, sembra aver fatto scattare in Ray una molla di autoconservazione e di ripudio verso quel “lavoro” da freelance di cui sembrava essere tanto felice. Proprio questo aspetto di allontanamento appare evidente in “Cut The Crap Princess” dove lo show prima avvicina il protagonista ad un ambito lavorativo dove, probabilmente, in futuro Ray approderà: una palestra di boxe, aspetto che richiama tante pellicole cinematografiche dove la redenzione del protagonista passa proprio da un ring di boxe. Dopo questo spaccato sul probabile futuro lo show mette in mostra il cambiamento di Ray quando, chiamato per l’ennesimo lavoro sporco, si mostra scosso e disturbato dal dover lavare i panni sporchi di un ricco ragazzo viziato andandosi a liberare di una ragazza morta per colpa di un soffocamento causato da un’overdose, una ragazza che Ray sottolinea essere “la figlia di qualcuno”. Una banale frase, ma che evidenzia il nervo scoperto di Ray attorno a cui la serie sta cercando lentamente lavorare per portare in scena una transizione (lavorativa e psicologica) fatta come si deve.
E, considerando anche le passate stagioni, il lavoro risulta essere fatto più che bene.

Mr-Inbetween-3x04SOTTOTRAME E ALTRE AMENITÁ


A puntellare i due episodi, poi, Mr Inbetween va ad inserire alcune sequenze importanti, altre puramente riempitive (ma utili a sottolineare come in fase di sceneggiatura nulla venga lasciato al caso).
Tra queste ultime, per esempio, la sequenza iniziale del terzo episodio che riguarda totalmente Gary e la sua ricerca di verità attorno all’ex fidanzata che andrà a ricollegarsi nel quarto episodio alla scena in cui Ray va a casa di Gary per recuperare una cosa per il suo amico: l’ex fidanzata, il seminterrato, i video pornografici debitamente nascosti sono tutti elementi che hanno rappresentato lo svezzamento del pubblico quando, durante la prima stagione, erano stati utilizzati come elementi di decoro per introdurre tutti i vari personaggi. A suo modo “romantico” quindi che si sia deciso di tornare proprio in quei luoghi dove tutto era iniziato.
Per le sequenze importanti, invece, c’è da richiamare l’incontro fortuito tra Ally (vistosamente incinta) e Ray, forse l’ennesima spinta per quest’ultimo per quanto meno tentare di cambiare vita ed atteggiamento verso il prossimo.

L’EVOLUZIONE DI RAY


Appare interessante riuscire a delineare una sorta di quadro generale della storia: se la prima stagione ha perfettamente portato in scena cosa fosse Ray e quale fosse il suo stile di vita, le successive due hanno permesso allo spettatore di far parte dell’arco evolutivo del personaggio trasposto da Scott Ryan.
La seconda stagione ha visto un Ray alle prese con il tentativo di adattarsi ad uno stile di vita più normale (il rapporto con Ally), fallendo miseramente e raggiungendo il punto più basso immaginabile (la morte del fratello Bruce). Questa terza stagione, invece, sta cercando di dare un segno di svolta alla vita di Ray accompagnandolo nelle ultime tappe di un percorso di cambiamento totale. La stagione si compone di sole nove puntate ed arrivata a questo quarto appuntamento sta, di fatto, superando la fatidica boa di metà percorso. Saranno i prossimi cinque appuntamenti a decretare se questa evoluzione avrà esito positivo oppure se Ray andrà incontro ad una cocente e dolorosa delusione.

 

 

THUMBS UP THUMBS DOWN
  • La vajankle: ennesimo colpo da maestro di una serie tv che non ha nulla da invidiare al puro trash
  • La ricomparsa di Ally
  • Brittany e Ray
  • Ritorno in scena del padre di Ray
  • L’idea dei porno amatoriali
  • L’olfatto di Ray
  • Terza puntata forse eccessivamente attendista e con poca verve
  • Barzellette da sagra di paese, anche se in linea con la comicità della serie

 

Il tentativo di cambiamento di Ray prosegue e così anche questa terza stagione di Mr. Inbetween, tra richiami al passato e personaggi richiamati per l’occasione.

Conosciuto ai più come Aldo Raine detto L'Apache è vincitore del premio Oscar Luigi Scalfaro e più volte candidato al Golden Goal.
Avrebbe potuto cambiare il Mondo. Avrebbe potuto risollevare le sorti dell'umana stirpe. Avrebbe potuto risanare il debito pubblico. Ha preferito unirsi al team di RecenSerie per dar libero sfogo alle sue frustrazioni. L'unico uomo con la licenza polemica.

Rispondi

Precedente

Time 1×01 – Episode 1

Prossima

Inside No. 9 6×05 – How Do You Plead?

error: Nice try :) Abbiamo disabilitato il tasto destro e la copiatura per proteggere il frutto del nostro duro lavoro.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: